«Sa, qui sono tutti obiettori»: in 23 ospedali per riuscire ad abortire

Mercoledì 1 Marzo 2017 di Federica Cappellato
118
PADOVA - «Ho quarantuno anni, non sono una ragazzina ma non si è mai abbastanza adulti per vivere una cosa così». Parla a voce bassa ma ferma Giulia, la chiameremo così, libero-professionista residente in centro città, madre di due bambini. Per procedere all’interruzione volontaria della sua terza gravidanza, Giulia ha contattato 23 ospedali. Del Veneto soprattutto, ma anche del Friuli e dell’Alto Adige.

È metà dicembre quando la donna scopre di essere incinta, la legge impone di procedere all’ivg entro i primi novanta giorni. Dodici settimane, tre mesi. Giulia è al secondo mese abbondante. «Non doveva succedere, uso la spirale, mai e poi mai mi sarei aspettata una nuova gravidanza. Ho iniziato a fare qualche telefonata, inizialmente mi sono mossa pensando fosse relativamente semplice, contattando il mio ginecologo, l’ospedale di Padova. Mi sono accorta subito che tentennavano, da lì è iniziata un’odissea». Una dopo l’altra, Giulia contatta 23 strutture ospedaliere. Le risposte erano le più disparate: non ce la facciamo, siamo già al limite, non riusciamo a stare nei tempi, ci sono le vacanze, sono tutti obiettori, il problema non è solo trovare un medico ma anche l’anestesista può essere obiettore di coscienza, quindi dobbiamo convogliare in sala operatoria in una sola giornata professionisti non obiettori, è un lavoro d’équipe, non siamo nelle condizioni di...

  Ultimo aggiornamento: 2 Marzo, 08:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci