Liceo Tito Livio, studente 16enne contro il preside: «Mi chiamo Luca, non Paola»

Sabato 24 Ottobre 2020
Liceo Tito Livio, esterno scuola, foto di repertorio
4

PADOVA  - «La mia scelta personale vale meno di una risma di carta»: è racchiusa in queste parole l'amarezza di Luca per essersi visto negare dal preside della scuola la possibilità di essere inserito tra i candidati alla rappresentanza d'istituto con il nome nel quale ora si riconosce. E non con quello di Paola, riportato ancora nella sua carta di identità. Siamo al liceo classico Tito Livio di Padova, l'istituto più blasonato della città in cui di diplomò anche l'ex Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Luca ha 16 anni e la sua "guerra" per veder accettata la sua nuova essenza parte dai manifesti appesi ai muri della scuola con i nomi da eleggere. Lì è ancora Paola, un passato ormai lontano. Il preside Rocco Bello, accusa lo studente, non vuole cambiare quanto riportato ancora sulla carta d'identità.

«Mi ha stupito la sua intransigenza - dice Luca - e mi ha ferito. Non credo abbia agito per un sentimento negativo nei miei confronti, semplicemente per menefreghismo, mancanza di tatto. Non si è posto il problema». Il liceale chiede che venga cancellato il nome della sua vita precedente, «quello legato - ripete - ad una identità di genere in cui non mi riconosco». Vuole essere identificato con il nome usato dagli amici e dai compagni di classe. Gli stessi che non hanno esitato a protestare, lasciando l'aula, per veder accolta la sua richiesta. Per ora è un muro contro muro senza apparente possibilità di mediazione. «Mi sento ferito, scosso - sottolinea lo studente - e mi dispiace che ancora non ci sia la sensibilità per capire quanto siano delicate certe situazioni personali». Luca ha iniziato il suo cammino di cambiamento due anni fa, quando era in terza media. «Mia madre lo sa, ma non l'ha ancora digerito e per questo spesso ci scontriamo - confessa - .Mio padre non sa nulla».

Il direttore dell'Ufficio scolastico regionale, Carmela Palumbo, chiede tempo per verificare i fatti. «Penso che si debba approfondire nel merito la questione - osserva - la scuola è un ambiente di norma estremamente tollerante». A chiedere che la storia di Luca venga chiarita è anche il deputato padovano del Pd, Alessandro Zan, relatore della legge contro l'omotransfobia. «Mai la scuola, in quanto istituzione primaria nella formazione delle nuove generazioni, si può rendere responsabile di discriminazioni - sottolinea - né può creare situazioni di disagio per i propri studenti». 

Ultimo aggiornamento: 21:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche