Alpinista 31enne disperso sulla ferrata Dibona: trovato morto a 2.700 metri. In albergo la moglie e i figli

Giovedì 21 Ottobre 2021 di Redazione Web
Alpinista morto sulla ferrata Dibona al Cristallo: le operazioni di recricerche
7

CORTINA - E' stato trovato senza vita, questa mattina, 21 ottobre, R. A. G., l'escursionista 31enne tedesco non rientrato ieri da un giro sulla Ferrata Dibona al monte Cristallo. La squadra salita a piedi si è calata per oltre 100 metri nel canale tra il Vecio del Forame e Forcella Alta, dove il tracciamento del cellulare ne segnalava la probabile presenza dal pomeriggio di ieri. I soccorritori - Soccorso alpino di Cortina, della Guardia di finanza e dei Carabinieri - hanno attrezzato le calate nel punto sottostante il percorso attrezzato e hanno iniziato a scendere, ritrovando prima lo zaino poi il corpo, a circa 2.700 metri di quota. Dato il luogo in cui si trova la salma e le condizioni di scarsa visibilità, si sta attendendo per procedere al suo recupero non appena possibile.

 

La scomparsa e l'allarme

Partito ieri mattina, 20 ottobre, alle 5 dell'albergo dove alloggia con la moglie e i figli, il giovane padre ha poi mandato immagini e messaggi alla compagna. Attorno a mezzogiorno una fotografia dal Rifugio Lorenzi, un paio di messaggi successivi e poi basta. La moglie, con il sistema di tracciatura del cellulare ha poi visto che dalle 14 la posizione lo indica in un canale tra il Vecio del Forame e Forcella Alta. L'allarme è scattato verso le 20.

Recupero impossibile causa nebbia

A causa della nebbia persistente non è stato ancora possibile provvedere al recupero del corpo senza vita dell'escursionista tedesco, precipitato ieri in un canale mentre percorreva la Ferrata Dibona sul Cristallo. Questa mattina una squadra del Soccorso alpino di Cortina, della Guardia di finanza e dei Carabinieri è salita a piedi, altre due con l'attrezzatura sono state trasportate più in alto possibile dall'elicottero dell'Air service center, convenzionato con il Soccorso alpino Dolomiti Bellunesi. Soccorritori di Dobbiaco assieme all'assistenza psicologica di Brunico stanno dando sostegno alla famiglia dell'uomo.
 


 

Ultimo aggiornamento: 22 Ottobre, 10:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA