Vulcano Canarie, si apre anche una terza bocca. Gli esperti: «Aumentati i gas tossici»

Case distrutte, evacuate circa 20.000 persone

Venerdì 1 Ottobre 2021
Vulcano Canarie, si apre una terza boccafuoco. Gli esperti: «Aumentata l'anidride solforosa»

Il vulcano Cumbre Vieja, a La Palma, ha una «nuova bocca», come confermato da fonti del National Geographic Institute (IGN). La lava non arresta la sua corsa e così questo è diventato il terzo centro di emissione del vulcano alle Canarie, che si aggiunge al cratere e alla bocca che si sono aperti lo scorso fine settimana e che è quello che contribuisce maggiormente alla discesa della lava al mare.

Vulcano Canarie, la lava nel mare: nuovi danni, allerta gas tossici

Manuel Nogales, delegato del CSIC nell'arcipelago, ha spiegato alla Televisione Canarie che «non è una buona notizia che la lava non scorra sul vecchio canale», perché ha già distrutto più di 1.000 edifici, secondo i dati del satellite Copernicus, poiché può causare danni alle nuove infrastrutture. 

Canarie, piramide di lava nell'oceano: si temono gas tossici. «Chiudetevi in casa». Allarme anche in Italia

In pericolo adesso è Los Llanos de Aridane, il comune più popolato dell'isola. Alcuni quartieri di questa area, in cui vivono circa 20.000 persone, sono già stati evacuati e devastati dal magma, come nel caso di Todoque. La concentrazione di anidride solforosa nell'aria è aumentata questo venerdì in alcune zone della Palma, sebbene ciò rappresenti un «rischio lieve per la salute», afferma la direzione del Piano di emergenza vulcanica delle Isole Canarie (Pevolca).

Secondo il Ministero dell'Interno spagnolo, il «delta» vulcanico creatosi dopo il contatto tra la lava e il mare ha raggiunto i 50 metri di altezza e i 320 di larghezza. La nuova bocca si è aperta a circa 400 metri da quelle già note e le nuove colate laviche si stanno dirigendo verso l'Oceano. Il Piano di Emergenza Vulcanica delle Isole Canarie (Pevolca) ha fatto sapere di non avere prove che «la dinamica del processo eruttivo sia stabile». Per questo motivo vengono mantenute le zone di esclusione marittima e terrestre e l'evacuazione delle persone che abitano nelle zone limitrofe. La portavoce di Pevolca Maria José Blanco ha espresso preoccupazione per la qualità dell'aria.

Ultimo aggiornamento: 2 Ottobre, 12:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA