Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Putin come Hitler, dall'isolamento al rifiuto di critiche e consigli: «Finirà come il Fuhrer»

Gli esperti: "Come il leader nazista non ascolta i suoi generali e consiglieri e sta commettendo errori terribili"

Venerdì 17 Giugno 2022
Putin come Hitler, dall'isolamento al rifiuto di critiche e consigli: «Finirà come il Fuhrer»

L'isolamento, il rifiuto delle critiche sulle sue tattiche nella guerra in Ucraina. Quella sorta di "narcisismo" che fa sì che sia convinto che solo lui abbia ragione e chi gli sta intorno sia in torto. Tutti ingredienti che fanno sì che il destino di Vladimir Putin sia segnato. I suoi «ultimi giorni saranno incredibilmente simili a quelli di Hitler», ha sottolineato il professor Angus Dalgleish, della St George's University di Londra, al tabloid The Mirror.

Putin, il capo dell'Esercito britannico: «Truppe e missili russi in esaurimento, ha strategicamente perso»

«Putin finirà come Hitler»

Hitler morì nel suo bunker nel 1945 dopo aver rifiutato di arrendersi quando la Germania nazista iniziò a perdere la guerra, al culmine di decisioni tattiche sbagliate e dopo non aver ascoltato i suoi consiglieri. Allo stesso modo  è «molto difficile» per i generali russi suggerire a Putin qualcosa che non voglia sentire - come ha riferito a Channel 4 il giornalista investigativo Andrei Soldatov.

Il rifiuto delle critiche

Un atteggiamento, riflette l'esperto, di «rifiuto delle critiche e soprattutto la sensazione che lo Zar abbia ragione e che tutti gli altri abbiano torto completamente». E Dalgleish continua nel paragone con il Fuhrer: «Se Hitler avesse ascoltato i consigli dei suoi generali e consiglieri, non avrebbe commesso così tanti errori terribili che lo hanno portato a perdere la guerra».

 

Lo stato di salute dello Zar

I suoi commenti arrivano dopo che un alto funzionario della Defense Intelligence Agency ha sottolineato a Newsweek che l'esercito russo sta diventando ogni giorno più debole «con poche prospettive di rifornimento generale o rinforzo significativo». Anche la cerchia di Putin sembra assottigliarsi giorno dopo giorno e insuccesso dopo insuccesso. «Sta diventando sempre più piccola», ha detto Soldatov al New Yorker. Il suo rifiuto di ascoltare i consigli e la volontà di licenziare o ostracizzare i suoi stessi generali potrebbe essere imputato a un cattivo stato di salute mentale a causa dell'assunzione di farmaci. Il presidente russo ha licenziato cinque generali e un colonnello della polizia, secondo un rapporto del gruppo mediatico di Mosca Rbc. «È probabile stia assumendo steroidi anabolizzanti», ha aggiunto il professor Dalgleish.

Il confronto con il Fuhrer

Le osservazioni del professor Dalgleish rispecchiano quelle dell'esperto di Russia, il professor Galeotti, che ha anche detto al Daily Mail che è «impossibile» non ricordare gli ultimi giorni del leader nazista tedesco e fare parallelismi del «rifiuto di entrambi i leader di ascoltare i consigli».

Ultimo aggiornamento: 18 Giugno, 16:12 © RIPRODUZIONE RISERVATA