Per avere i vaccini, non servono nuove tasse. Servono efficienza e rapidità. Che, purtroppo, finora sono mancate

Sabato 27 Febbraio 2021
2

Caro Direttore, 
parliamo dei vaccini: inutile continuare a girare intorno al palo. I vaccini non arrivano perchè mancano i soldi per pagarli. A questo punto, le nostre illuminate autorità centrali abbiano il coraggio di chiedere ai cittadini un contributo pro vaccini, ovviamente proporzionato all'effettivo reddito disponibile. Gli italiani risponderanno immediatamente.


Sandra Sartore
Padova


Cara lettrice, 
mi permetta di non essere d'accordo con lei. Paghiamo già abbastanza tasse, dovremmo sopportarne una anche per il vaccino anti-Covid? Credo anch'io che gli italiani, nonostante tutto, risponderebbero positivamente. Ma non penso sarebbe giusto. Quella dei vaccini poi è una partita europea: è la Ue che si è fatta carico ( giustamente) di provvedere al fabbisogno di tutti i paesi. Ed è sempre un organismo europeo, l'Ema che autorizza l'uso dei diversi vaccini presenti sul mercato. Il problema è che la Commissione europea ha gestito male questa operazione. Sin dall'inizio. Ha sbagliato tempi, contrattualistica, interlocutori. Non è un problema banalmente finanziario. L'Europa ( a cui solo l'Italia garantisce un contributo annuo di 13 miliardi di euro) ha la forza economica per comprare i vaccini necessari e competere in questa battaglia sanitaria con gli altri Paesi. Ma per farlo serve efficienza, capacità d5 gestione e rapidità. Ed è tutto questo che sinora è mancato. E per questa stessa ragione il premier italiano Mario Draghi è intervenuto chiedendo con energia all'Europa di agire con maggiore efficacia e determinazione. I soldi sono sempre importanti. Lo sono a maggior ragione in questo caso, dove in gioco c'è la salute di tutti e dove ogni paese cerca di riuscire a immunizzare prima possibile e prima degli altri i propri cittadini. Ma i solidi bisogna anche saperli usare e spendere. Ed è questo credo che come cittadini dobbiamo pretendere e chiedere. Senza nuove tasse.

© RIPRODUZIONE RISERVATA