Chi governa non può limitarsi a dire no deve anche assumersi la responsabilità di scegliere

PER APPROFONDIRE: governo, scelte
Caro direttore,
se molti guai che affliggono il paese sono un'esclusiva della politica, altri provengono dalla saccenteria italiota con la pretesa di sostituirsi ad essa. Come le istanze no-Vax, no-Tav e no-Ilva, che rischiano di paralizzare il paese economicamente, e di compromettere le conquiste raggiunte in medicina con la profilassi. Né la pronuncia del ministro della Sanità Giulia Grillo col postulato vietato vietare, tranquillizza su un possibile riaffacciarsi di morbi sconfitti. Inoltre, bloccando le grandi opere in corso, il bilancio dello Stato ne risentirebbe con la conseguenza d'una minore disponibilità per finanziare la velleitaria politica di spesa del governo in carica. Un dettaglio che si farà presto sentire con tutto il suo peso, riducendo alla resa una pattuglia di dilettanti che si è messa in testa di rinnovare un paese disgregato e rassegnato.


Renzo Nalon
Dolo (Venezia)


Caro lettore,
i professionisti del No al governo sono come vegetariani in macelleria: le persone sbagliate nel posto sbagliato. O si convertono all'acquisto di qualche bistecca o rischiano di morire di fame. Chi governa non può solo limitarsi a contestare o cancellare ciò che è stato deciso, deve anche assumersi la responsabilità di fare delle scelte, di pronunciare dei sì. In caso contrario viene meno al suo ruolo e alla sua funzione. È ciò che potrebbe accadere anche ad alcuni ministri in carica se non si convinceranno che il tempo dell'opposizione e dei no sempre e comunque, è finito e occorre invece fare i conti con la realtà e le scelte, anche quando ciò significa scontentare una parte dei propri elettori. Mi permetta però di aggiungere una considerazione finale alla sua lettera: certamente, come lei afferma, il governo in carica è composto anche da dilettanti della politica e dell'amministrazione. Non so se chi è venuto prima potesse essere considerato un professionista. Certamente però il suo operato non è stato considerato particolarmente positivo né professionale dalla grande maggioranza degli italiani. E questo non va mai dimenticato.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 12 Agosto 2018, 13:21






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Chi governa non può limitarsi a dire no deve anche assumersi la responsabilità di scegliere
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 12 commenti presenti
2018-08-14 12:59:33
Come sempre ha ragione Renzi, qua non si tratta di essere nel giusto o nell'errato, hanno vinto le elezioni, hanno il dovere di governare, e nei limiti imposti dalla costituzione, quella difesa dal 62 % degli Italiani, non devono limitarsi a fare annunci pubblicitari, devono decidere, sulla tav, pedemontana , vaccini, sul gasdotto, Ilva di Taranto, Fornero, sussidio di cittadinanza, senza prenderci in giro come hanno fatta mettendo per iscritto nel decreto dignità, che le slot machine fanno male alla salute, poi tra un anno o due gli stessi che hanno preferito questo governo "limoncello" trarranno le conclusioni.
2018-08-14 12:59:00
Ma quando il lettore cita l'Ilva sa di cosa sta parlando? Sta dicendo che si deve accettare determinate nefandezze proni, consenzienti, confusi e felici? Si accomodi lui.
2018-08-13 17:43:42
Avra' forse ragione il lettore, ma in questi periodi di crisi, disoccupati e conti che non tornano, le citta' sono vuote, mare e montagna con relativi ristoranti pieni! I conti non tornano...da giovane era il contrario.
2018-08-13 16:22:09
pasta con le vongole, e parmigiano
2018-08-13 13:38:08
Al di la' del merito del commento del lettore, stupisce la facilita' e la leggerezza con cui coastui bolla i ministri del governo come una pattuglia di dilettanti. Non so che ruolo e che professione svolga questo signore che insulta con questa facilita' una schiera di professionisti, di cattedrattici e di gente che si e' giaì espressa valorosamente nel proprio curriculum professionale. Forse con questa frecciata voleva chiamare in causa solo Di maio e Salvini. E allora la prossima volta sia piu' leale e corretto e faccia nomi e cognomi.