Il coronavirus è anche una prova per la democrazia. Che può uscirne rafforzata. O accentuare la propria crisi

Venerdì 30 Ottobre 2020

Egregio direttore,
i sistemi democratici di fronte alla pandemia non funzionano più. Se fosse una giusta democrazia il problema non sussisterebbe, ovvero se i diritti di ciascuno si armonizzassero con quelli degli altri, senza soverchiarli. Il problema è che nel tempo si è sempre più affermato il principio della totale libertà individuale, senza tener conto degli effetti privativi nei confronti degli altri. Questa situazione si è progressivamente affermata per la rarefazione di controlli da parte dello stato, che, se si attivano, allora èstato di polizia. Non solo, ma questa mancanza di controlli ha nel tempo esteso il concetto personale di libertà individuale. Alcuni ritengono di essere liberi di porre in essere azioni(anche illegali) che non siano sanzionate: si sono assegnati un secondo tipo di libertà. Dall'evadere il fisco ad andare in bicicletta in zone pedonali o a non indossare-di questi tempi-la mascherina. La pandemia ha indotto le autorità a limitare (per ragioni che per verità non mi paiono sempre adeguate, ma che accetto)alcune libertà individuali. E allora scoppia la rabbia e l'irritazione. E' evidente che in caso di pandemia funzionano meglio i regimi totalitari (vedi Cina). Ma questo non è un merito delle dittature. È invece un evidente demerito della democrazia così come è oggi interpretata.


Luciano Lanza


Caro lettore,
come ogni virus anche il Covid colpisce più facilmente gli organismi deboli e la democrazia occidentale, già da qualche tempo, non vive la migliore delle sue stagioni. Questo accade per molte e complesse ragioni, ma tra queste c'è certamente anche il fatto che le nostre società sono sempre più popolate da cittadini fortemente individualistici, che antepongono i loro diritti ai doveri verso gli altri e sono anche portatori di una domanda politica difficile da rappresentare. Ma è bene non dimenticarsi che, per quanto malconce e imperfette, le democrazie, anche in altri momenti di crisi e di conflitto della storia recente, hanno dimostrato, sul medio-lungo termine una capacità di reazione e una solidità di fondo superiori a quelle dei sistemi autoritari. Accadrà anche in questo caso? Lei è pessimista. Io lo sono un po' meno. Anzi penso (o meglio: spero) che questa crisi pandemica possa restituire ai cittadini delle nostre nazioni un rinnovato senso del limite e della collettività. Due valori che abbiamo purtroppo smarrito. Se ciò accadesse le nostre democrazie uscirebbero più forti da questa crisi. Naturalmente se invece il Covid accentuerà il narcisismo e l'isteria individualista di tanti. Se incrinerà invece che consolidare il senso di comunità, allora il discorso cambia. E potrebbero aprirsi le porte a involuzioni autoritarie o autocratiche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA