Stare seduti troppo a lungo aumenta il rischio morte e infarto. «Fino al 50% in più»: l'allarme dei ricercatori

Dalla ricerca è emerso che il rischio è maggiore nei Paesi a reddito medio e basso

Giovedì 16 Giugno 2022
Stare seduti troppo a lungo aumenta il rischio morte e infarto. «Fino al 50% in più»: l'allarme dei ricercatori
1

Trascorrere molto tempo seduti ogni giorno aumenta il rischio morte e di contrarre malattie cardiache. Lo studio, pubblicato sulla rivista specializzata JAMA Cardiology, è stato condotto dai ricercatori internazionali della Chinese Academy of Medical Sciences and Peking Union Medical College.

Malattia di Lyme, colpita una persona su 7 nel mondo. «Si espanderà sempre di più», lo studio

Il team ha studiato più di 100.000 persone dal 2002 al 2021 e afferma che coloro che sono rimasti seduti per otto o più ore al giorno in quel periodo avevano un rischio di morte o di gravi problemi cardiaci dal 17% al 50% più alto rispetto a quelli che sedeva per meno di quattro ore al giorno.

Rischio maggiore nei Paesi a reddito medio e basso

Dalla ricerca è emerso che il rischio è maggiore nei Paesi a reddito medio e basso. C'è però un modo per contrastare possibili eventi negativi dello stare molto seduti. Come? Aumentando l'attività fisica. Che potrebbe essere una strategia importante per alleviare il carico globale delle morti premature e delle malattie cardiovascolari.

Lo studio

in questo studio che ha coinvolto 105.000 partecipanti provenienti da 21 paesi, quantità elevate di tempo trascorso seduti sono state associate a un aumento del rischio di morte per tutte le cause e malattie cardiovascolari in contesti economicamente diversi, specialmente nei paesi a reddito basso e medio-basso. Questo studio ha incluso partecipanti di età compresa tra 35 e 70 anni reclutati dal 1 gennaio 2003 e seguiti fino al 31 agosto 2021, in 21 paesi ad alto, medio e basso reddito con un follow-up mediano di 11,1 anni.

Sindrome di Superman, dal formicolio ai piedi alle gengive sanguinanti: i 10 sintomi per gli uomini da non sottovalutare (e per cui correre dal dottore)

I risultati

Su 105.677 partecipanti, 61.925 (58,6%) erano donne e l'età media (DS) era di 50,4 (9,6) anni. Durante un follow-up mediano di 11,1 (IQR, 8,6-12,2) anni, sono stati documentati 6233 decessi e 5696 eventi cardiovascolari maggiori (2349 infarti del miocardio, 2966 ictus, 671 insufficienza cardiaca e 1792 decessi cardiovascolari). Rispetto al gruppo di riferimento (<4 ore al giorno di seduta), un tempo di seduta più elevato (≥8 ore al giorno) è stato associato a un aumento del rischio di esito composito (hazard ratio [HR], 1,19; IC 95%, 1,11- 1,28; P per trend < .001), mortalità per tutte le cause (HR, 1,20; IC 95%, 1,10-1,31; P per trend < .001) e CVD maggiore (HR, 1,21; IC 95%, 1,10-1,34 ; pper trend < .001). Se stratificata in base ai livelli di reddito del paese, l'associazione del tempo di seduta con l'esito composito era più forte nei paesi a reddito basso e medio-basso (≥8 ore al giorno: HR, 1,29; IC 95%, 1,16-1,44) rispetto a paesi ad alto e medio reddito (HR, 1,08; IC 95%, 0,98-1,19; P  per interazione = .02). Rispetto a coloro che hanno riferito di stare seduti meno di 4 ore al giorno e di un livello di attività fisica elevato, i partecipanti che si sono seduti per 8 o più ore al giorno hanno sperimentato un rischio associato dal 17% al 50% più alto dell'esito composito tra i livelli di attività fisica; e il rischio è stato attenuato insieme all'aumento dei livelli di attività fisica.

Ultimo aggiornamento: 16:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci