Iran parcheggia finta portaerei Usa nello stretto per affondarla, il satellite svela il trucco

Lunedì 27 Luglio 2020
Iran parcheggia finta portaerei Usa nello stretto per affondarla, il satellite svela il trucchetto

L'Iran ha "parcheggiato" nello stretto di Hormuz, considerato strategico, una finta portaerei della Marina militare statunitense, presumibilmente per affondarla nel mezzo delle crescenti tensioni tra Teheran e Washington: lo riporta Sky News, che pubblica sul suo sito un'immagine di quella che sarebbe la finta nave da guerra scattata da un satellite americano. L'immagine, spiega Sky News, è stata ripresa dalla Maxar Technologies, una società del Colorado specializzata in tecnologia spaziale.

Caccia F15 Usa spaventa aereo iraniano: «Passeggeri nel panico, ci sono feriti». Gli Stati Uniti negano Video Mappa
L'Iran impicca una spia della Cia e del Mossad: «Svelò i movimenti di Soleimani»

Il satellite, aggiunge l'emittente, ha ripreso anche un motoscafo che si avvicina alla finta nave mentre un rimorchiatore la porta nello Stretto dal porto iraniano di Bandar Abbas. La 'portaereì, che è stata fotografata ieri, somiglia alle portaerei di classe Nimitz della flotta della Marina americana che generalmente entrano nel Golfo Persico dallo stretto di Hormuz. Sky News sottolinea che i media statali iraniani ed i funzionari di Teheran non hanno ancora fatto cenno alla presenza della finta nave.

Secondo l'emittente, l'iniziativa indica che la Guardia Rivoluzionaria iraniana si starebbe preparando ad affondare la finta portaerei Usa in una dimostrazione di forza simile ad un'analoga messa in scena svolta nel 2015. «Non possiamo parlare di quali vantaggi l'Iran si aspetti di trarre attraverso la costruzione di questo modello, nè di quale sarebbe il valore tattico che l'Iran spera di ottenere utilizzando un tale modello in uno scenario di addestramento o di esercitazione», ha detto la comandante Rebecca Rebarich, una portavoce della quinta flotta della Marina Usa basata nel Bahrain e responsabile del pattugliamento delle acque medio orientali. 
 

Ultimo aggiornamento: 14:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA