Noemi si sveglia e chiede di giocare: in ospedale arriva un'enorme casa delle bambole

PER APPROFONDIRE: napoli, noemi, sparatoria
Noemi respira da sola ed è cosciente: «Mi portate le mie bambole?» Foto Preso a Siena chi le ha sparato Video
Noemi, la bimba ferita nella sparatoria di piazza Nazionale una settimana fa, respira da sola e ha aperto gli occhi. La piccola, ricoverata nell'ospedale Santobono, è sveglia e cosciente. Le sue prime parole sono state queste: «Datemi le mie bambole». E nel pomeriggio per lei è arrivato un enorme pacco con dentro una grande casa delle bambole. Intanto è svolta nelle indagini: il sicario che ha sparato alla piccola è stato fermato a Siena

Sparatoria Napoli, il VIDEO dell'arresto

Da questa mattinata Noemi «è stata portata ad uno stato di sedazione non profonda e attualmente evidenzia una valida respirazione spontanea, supportata da ossigeno ad alti flussi, senza necessità di ventilazione meccanica». Sono incoraggianti le notizie dal bollettino medico. «Nella giornata di ieri la bambina è stata sottoposta a broncoscopia sia a destra che a sinistra, così da permettere di liberare i bronchi da muchi e coaguli. La prognosi permane riservata. Il prossimo bollettino sarà diramato tra 24 ore.

Intanto la piccola Noemi ha aperto gli occhi, come conseguenza di una sedazione meno profonda di quella a cui era stata sottoposta nei giorni scorsi. A confermarlo sono fonti interne all'ospedale pediatrico Santobono di Napoli. Le stesse fonti confermano che la bimba, proprio percéè si trova in uno stato di sedazione, non può ancora interagire con le persone che la circondano, a cominciare dai genitori. I segni di miglioramento della respirazione sono evidenti, ma è ancora aiutata dai macchinari.

 

«Grande commozione, grande soddisfazione e gioia per tutti noi». Con queste parole il direttore generale dell'Azienda ospedaliera Santobono-Pausilipon, Anna Maria Minicucci, ha descritto gli attimi che hanno seguito il risveglio di Noemi. Minicucci parla di «bella pagina per la sanità campana», sottolineando «la massima serietà e competenza dei medici», ma al contempo predica calma «perché da questa giornata ci aspettiamo ancora qualche instabilità e vogliamo essere tranquilli». Ma, «nonostante il riserbo e la prudenza necessari - ha spiegato - ci faceva piacere dare questa bella notizia nello stesso giorno in cui è stato arrestato il presunto responsabile di questa vicenda, grazie al grande lavoro delle forze dell'ordine e della magistratura». Nei prossimi giorni si terrà probabilmente una conferenza stampa «nella quale spiegheremo tutto quello che abbiamo fatto e, se vorranno, potranno essere presenti anche i genitori di Noemi, ai quali in questi giorni abbiamo garantito tranquillità e accoglienza, rispettando il silenzio dignitoso di tutta la famiglia della piccola. Anche questo - ha concluso Minicucci - è per noi motivo di grande soddisfazione».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 10 Maggio 2019, 11:38






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Noemi si sveglia e chiede di giocare: in ospedale arriva un'enorme casa delle bambole
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 13 commenti presenti
2019-05-10 20:20:22
Uno Stato che in 150 anni, non è stato in grado di sconfiggere mafia, camorra, ndrangheta ecc... ho è complice o è uno Stato che non serve a nulla. C’è da vergognarsi !
2019-05-10 17:43:25
Li vedo già gli avvocati, sfogliare il codice, addentrarsi in mille cavilli pur di fargli fare pochi mesi di carcere. Non dico altro che mi passa per la mente perchè sicuramente,ed a ragione, sarei censurato....ma 15 anni di carcere non glieli leverei.
2019-05-10 16:23:22
coraggio piccola tifo per te!
2019-05-10 14:48:24
Quelli che le mani sempre in tasca! Quelli che ....le mani sempre in tasca!
2019-05-10 14:32:48
Leggo su altri quotidiani locali che per la bimba sono state fatte fiaccolata, veglie di preghiera, ecc. ecc. Mi chiedo come si possa pensare che queste cose servano a fermare la camorra la ndrangheta, la mafia. Servono a fare sentire la vicinanza della popolazione ai colpiti? L'unica cosa che serve in assoluto perché questi fatti non accadano o siano immediatamente risolti è togliersi quel velo di omertà di non so, non vidi, non c'ero. Di ripettare lo stato, cioè noi! Di stare zitti in cambio di favori....Ecco poi visto che in Italia si è molto allegarici vanno bene anche le fiaccolata le veglie di preghiera purché servano ad aumentare la coscenza civile, non a lavarsi la coscenza partecipando in lacrime.