Carola, la capitana che sfida il capitano Salvini. «Entro a Lampedusa». «Sbruffoncella»

Carola, la capitana fa irritare il capitano Salvini. «Sbruffoncella»
Carola Rackete è una veterana della Sea Watch. Volontaria dal 2016, spiegava che la sua vita «è stata facile, ho potuto frequentare tre Università, sono bianca, tedesca, nata in un Paese ricco e con il passaporto giusto. Quando me ne sono resa conto ho sentito un obbligo morale aiutare chi non aveva le mie stesse opportunità». 


Prima di salire sulla nave ong però la comandante ha maturato diverse esperienze. Prima si è laureata in Scienze nautiche alla Jade University di Brema e ha ottenuto un master in conservazione ambientale alla Edge Hill University nel Lancashire, con una tesi su "Impatto del recupero delle foche sulla distribuzione del nido di albatro errante nella Georgia del Sud".
 
 


Carola Rackete è stata nel 2014 responsabile per la sicurezza della Silversea Cruises, una nave da crociera, poi nel 2015 è passata a Greenpeace come secondo ufficiale e un anno dopo al timone di una nave rompighiaccio nel Polo Nord per uno dei maggiori istituti oceanografici tedeschi, il British Atlantic Survey nonché ufficiale di navigazione per l'Alfred Wegener Institute, presso il quale ha lavorato dal 2011 al 2013.

Nel 2018, per tre mesi, ha lavorato in Russia come guida naturalistica alla Poseidon Expeditions, uno dei principali fornitori di spedizioni polari nel settore delle crociere: l'Antartide, l'Artico e il Polo Nord, dove guidava piccole imbarcazioni e conduceva escursioni a terra, con conferenze sulla conservazione della natura e impatti sui cambiamenti ecologici. Sempre nel 2018 ha condotto uno studio socio-ecologico sul futuro della conservazione della natura in diverse regioni: Cina, aree post-sovietiche e polari. 

La collaborazione con Sea Watch, invece, inizia con un mese di volontariato nel maggio 2016. Una esperienza che la segna. Un anno dopo intensifica la sua collaborazione con l'Ong come coordinatrice e responsabile dei contatti con “Moonmbird” e “Colibrì” gli aerei di ricognizione di Sea-Watch.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 26 Giugno 2019, 16:27






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Carola, la capitana che sfida il capitano Salvini. «Entro a Lampedusa». «Sbruffoncella»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 50 commenti presenti
2019-06-27 17:49:19
"capitana razzo" ma non eri volontaria? e allora perchè sei regolarmente stipendiata con la ong?
2019-06-27 15:27:20
Nutrendo poca simpatia per l’attuale Papà avevo destinato il mio 8 per 1000 alla Chiesa Valdese. Avendo saputo che la Sea W. è finanziata da quest’ultima penso di variare in corsa la destinazione del mio 8 destinandolo ai buddisti, spero che questi non mi deludano anch’essi.
2019-06-27 14:02:37
questa ha un curriculum e un'esperienza che il capitano dovrebbe vivere 1000 anni per arrivarci .... che poi per riuscirci dovrebbe anche averne le capacità intellettuali ...( cosa di cui dubito forte)
2019-06-27 11:56:24
signorina, lei è una bambina viziata e non può per lavarsi la coscienza e per sentirsi in colpa di avere avuta una vita fortunata, imporre a tutto il mondo l'accettazione del suo operato. Esattamente come Soros che venendo da una infanzia di povertà decide di aiutare i poveri, trasbordandoli dove diventeranno meno poveri e impoveriranno di conseguenza tutti gli altri. La nigeria fra pochi anni avrà 500 milioni di abitanti e tutti i confinanti non saranno da meno... pensate che possano accedere tutti al benessere trasferendoli in Europa, senza prima costruire un piano credidibile e fattibile (abitazioni, assistenza, etc) e soprattutto come pensate di dare loro un reddito??
2019-06-27 14:07:20
uno studio ipotizza la popolazione della Nigeria a 500 mil di abitanti tra 45 anni non tra pochi anni ma e' comunque solo un'ipotesi per il resto concordo che senza un piano SERIO il problema sarà comunque grave a livello mondiale