Di Maio: abbiamo preso una lezione ma non mi dimetto

PER APPROFONDIRE: luigi di maio, m5s
Di Maio: abbiamo preso una lezione, ora al lavoro con umiltà
«Le elezioni sono andate male», esordisce Luigi Di Maio parlando finalmente alla stampa dopo lunghissime ore di silenzio. Ammette la batosta ricevuta alle elezioni europee ma non si dimette. «Ho sentito il premier Conte e gli ho chiesto di convocare il prima possibile un vertice di governo perché dobbiamo fare i provvedimenti che abbiamo promesso agli italiani. Mai come in questo momento c'è bisogno di umiltà e di lavoro. Mai come ora M5S ha bisogno della forza di tutti, urge una riorganizzazione che riporti il Movimento molto più vicino ai territori».

Con pesi ribaltati nel governo rotta complicata

«Oggi ho sentito tutti coloro che rappresentano le anime del M5S, Grillo, Casaleggio, Di Battista e Fico. Nessuno ha chiesto le mie dimissioni», spiega rispondendo a chi gli chiede se si presenterà in assemblea da dimissionario. «Ringrazio i 4,5 milioni che hanno votato il M5S e ringrazio anche chi non ci ha votato perché dal loro comportamento noi impariamo e prendiamo una bella lezione. Faccio i complimenti alla Lega e al Pd e a tutti i partiti che hanno avuto un incremento».

«Noi pensiamo che si debba andare avanti per fare le cose. Se ci sono delle richieste che vengono dalla Lega, aspetto che si facciano di persona, mi auguro sia finita la stagione in cui ci diciamo le cose a mezzo stampa». «Ho sempre trattato la Lega alla pari, non ho mai fatto pesare che si dovevano approvare due provvedimenti ogni provvedimento della Lega. Anche per questo per me non cambia nulla», sottolinea.
 

«Non mi pento assolutamente di aver chiesto le dimissioni del sottosegretario Armando Siri», dice poi. «Salvini dice che la Lega ha ricevuto un mandato a fare? Ma su 10 provvedimento realizzati fino ad ora 9 sono del M5s». «La Tav è un dossier che è nelle mani di Conte. Sulle autonomie il fatto è come si scrive il provvedimento. Se si deve fare non deve creare scuole di serie C o sanità di serie C. L'unica cosa che mi interessa è mettermi al lavoro per mantenere le promesse fatte agli italiani, e tra queste c'è la coesione nazionale». 

Il tavolo per fare il salario minimo e la flat tax «facciamolo, prima ci mettiamo a lavoro meglio è. Il vertice si doveva fare un mese fa, il ministro dell'Economia Tria ha detto che ci sono i soldi per fare la flat tax, facciamola». «Abbiamo proposto noi decreto Sanità, salario minimo e la riduzione delle tasse e del cuneo fiscale per imprese e dipendenti».

«Il contratto di governo non si cambia e lo tuteleremo: saremo argine». «Porteremo avanti il programma di Governo, con assoluta lealtà al nostro principale alleato, che è il contratto», sottolinea. «Non rinunceremo mai a dire quello che non ci sta bene, ad arginare proposte che non stanno nel contratto, tutelandolo da idee che possono essere estreme e favorire l'illegalità».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 27 Maggio 2019, 15:00






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Di Maio: abbiamo preso una lezione ma non mi dimetto
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2019-05-28 14:54:29
Ne ero piú che convinto che non si sarebbe dimesso,lasciare la poltrona da 15000 EU. e tornare ha fare il bibitaro con la cesta a tracolla il salto e grande e faticoso.A meno ché non opti per il reddito di cittadinanza
2019-05-27 18:48:54
vedremo come va a finire la telenovela.