Legnano, le intercettazioni: «Il prezzo è stato pagato»

PER APPROFONDIRE: intercettazioni, legnano
Legnano, le intercettazioni: «Il prezzo è stato pagato»
«Il prezzo è stato pagato». Queste le parole usate dal'assessore di Legnano (Milano) Chiara Lazzarini per definire i 1046 voti passati al ballottaggio al sindaco di Legnano Gianbattista Fratus, arrestato stamane per corruzione e turbativa d'asta, da Luciano Guidi, candidato sindaco alle amministrative 2017 per la lista civica Alternativa Popolare, in cambio di un posto per la figlia Miriam nel cda della partecipata Aemme Linea Ambiente s.r.l di Legnano.

LEGGI ANCHE Tangenti e appalti, arrestati il sindaco leghista di Legnano e due assessori

Fratus, candidato del centrodestra con 9196 voti al primo turno, vinse le elezioni con un totale di 10865 preferenze. L'accusa per il sindaco, che non rientra nella misura cautelare di stamane, è per corruzione elettorale.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 16 Maggio 2019, 13:50






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Legnano, le intercettazioni: «Il prezzo è stato pagato»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti