Dazi, è guerra sul Parmesan americano. Bellanova: «Mai in Europa»

PER APPROFONDIRE: bellenova, dazi, parmesan, parmigiano, sicilia
Dazi, è guerra sul Parmesan americano. La ministra Bellanova: «Mai in Europa»
Sui dazi è cambiata la prospettiva: è guerra. Contrapposti su due blocchi, gli uni contro gli altri i produttori di formaggio italiani e americani. Dopo la pubblicazione di un documento della National Milk Producers Federation, (l'Associazione americana dei produttori di latte), che chiede di poter vendere le imitazioni dei formaggi italiani anche nell'Unione Europea, scende in campo a difesa delle produzioni italiane la ministra dell'Agricoltura, Teresa Bellanova: «Giù le mani dai nostri nomi. Basta con i furti di identità», ha detto oggi, da Terrasini, in Sicilia, scagliandosi contro la lobby Usa del latte. 

LEGGI ANCHE --> Dazi, ecco la lista dei prodotti: dal parmigiano all'Aperol, niente tasse per la mozzarella di bufala e il prosciutto
Migranti, Di Maio: «Decisione sui rimpatri in quattro mesi, siamo fermi all'anno zero. Dazi? Troveremo soluzione»

«Le parole sui dazi dell'associazione americana dei produttori di formaggi sono gravissime. I produttori americani vogliono ribaltare la realtà, vogliono far passare per nomi comuni le nostre denominazioni per poi venderle anche in Europa. Se il loro progetto è vendere il Parmesan o la finta mozzarella in Europa, dobbiamo dire chiaro che non succederà mai!», ha detto. Poi rivolgendosi direttamente a Trump: «È ingiusto mettere i dazi, stai privando i tuoi cittadini della qualità perché noi non esportiamo cibo spazzatura ma cibo di alto livello».

Nel documento, pubblicato sul sito della National Milk Producers Federation (Nmpf), i produttori Usa di latte parlano di «pratiche commerciali sleali della Ue che bloccano» l'accesso al loro mercato «mentre godono di un ampio accesso al nostro». In particolare di «abuso da parte dell'Ue di indicazioni geografiche per limitare la concorrenza degli esportatori di formaggi negli Stati Uniti che usano nomi di alimenti comuni». 

È chiaro, a questo punto, per Nicola Bertinelli, presidente del Consorzio del Parmigiano Reggiano, per quale motivo nell'elenco dei prodotti soggetti a dazio aggiuntivo del 25% ci siano solo determinate indicazioni geografiche italiane, come il Parmigiano Reggiano. «I dazi non sono altro che una ripicca - afferma Bertinelli - perché l'Europa tutela le Dop registrate: i formaggi americani (come il Parmesan, ma anche l'Asiago o il Gorgonzola, la Fontina made in Usa) non possono pertanto entrare all'interno dell'Unione Europea».

Il documento della Nmpf, secondo Bertinelli, «rende esplicita la volontà del Governo Americano di fare guerra alle indicazioni Geografiche Europee». Sulla stessa linea la Coldiretti, secondo cui oltre respingere al mittente la «richiesta dei produttori statunitensi», «vanno anche rafforzati i meccanismi di tutela delle produzioni agricole italiane ed europee negli accordi di libero scambio». Con il via libera della Wto ai dazi come risposta agli aiuti pubblici illegali ad Airbus, sul 'made in Europè si abbatte una stangata da 7,5 miliardi di dollari.

I nuovi dazi Usa del 25%, pronti a scattare dal 18 ottobre, prendono di mira alcuni dei prodotti più iconici del Vecchio Continente, come il whiskey scozzese, i vini francesi, lo yogurt greco, la feta e, per quanto riguarda il made in Italy, il parmigiano, su cui l' agroalimentare Made in Italy rischia di pagare un conto salatissimo. Gli Stati Uniti sono il secondo mercato estero, dopo la Francia, per l'export di Parmigiano Reggiano. Attualmente ne sono esportati 10 milioni di kg l'anno. Il Consorzio stima una perdita di fatturato del prodotto esportato negli Usa di 360 milioni di euro. Mentre il Grana Padano, in un anno, subirebbe un danno quantificabile in circa 270 milioni di euro.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 5 Ottobre 2019, 14:35






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Dazi, è guerra sul Parmesan americano. Bellanova: «Mai in Europa»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti