Uccise il suocero che abusò di suo figlia a Milano, processo immediato

PER APPROFONDIRE: omicidio, rozzano, suocera, uccide
Uccise il suocero che abusò di sua figlia, processo immediato
MILANO «Volevo fare giustizia e ho sparato, la mia è stata una reazione istintiva alla vista dell’uomo che ha abusato di mia figlia». Ha provato a negare la premeditazione del suo gesto, il trentacinquenne che lo scorso febbraio ha ucciso a Rozzano il suocero di 63 anni indagato per violenza sessuale aggravata. Gli ha sparato qualche ora dopo l’incidente probatorio durante il quale la nipotina di 8 anni - figlia del killer - avrebbe confermato gli episodi di abusi e violenze durati circa due anni, nei periodi in cui il nonno si trasferiva da Napoli a casa dei familiari al nord. Ora il gip Teresa De Pascale, accogliendo la richiesta del pm Monia Di Marco e del procuratore aggiunto Letizia Mannella, ha deciso che sarà processato con rito abbreviato, davanti alla Corte d’Assise di Milano.


MODALITA’ DA ESECUZIONE
Rinviato a giudizio anche il complice dell’omicida, l’amico di 27 anni che durante il raid guidava il motorino. I due sono finiti in cella per omicidio premeditato aggravato. L’omicidio è avvenuto lo scorso 25 febbraio, in un parco a Rozzano. «Ho avuto un black out», ha sostenuto il killer al momento dell’arresto. Lo stesso giorno, a palazzo di giustizia, si era concluso l’incidente probatorio nel quale sua figlia di otto anni ha riferito degli abusi che avrebbe subito dal nonno. E in quell’occasione, davanti al giudice e alla madre della piccola, figlia del sessantatreenne ucciso, sono stati cristallizzati i terribili racconti già resi dalla bambina alla polizia in un’audizione protetta. Poco dopo il nonno è stato ucciso con le modalità di una «esecuzione». Secondo gli investigatori la vittima è stata attirata in trappola per portare a termine la vendetta contro di lui. L’uomo è stato invitato appositamente a tornare da Napoli a Rozzano, dove non passava più da mesi a seguito delle accuse di violenza nei confronti della piccola, solo pochi giorni prima di essere ucciso. Il killer ha sostenuto anche che il suo amico di 27 anni, alla guida dello scooter da cui sono partiti i colpi, non era a conoscenza di ciò che lui avrebbe fatto. I pm, invece, hanno contestato la premeditazione a entrambi, aggravante che non era stata inserita in precedenza nel decreto di fermo.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 17 Giugno 2019, 18:35






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Uccise il suocero che abusò di suo figlia a Milano, processo immediato
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2019-06-17 20:35:12
La legge si abbattera' implacabile. Il pedofilo, con l'aggravante di essere il nonno, se lo era davvero ha avuto quello che meritava. Ma per la "giustizia" NON ci saranno sconti per i giustizieri. Se avevano un piccone e davano di matto erano gia' liberi.