Hafsa, riconosciuto il cadavere trovato nell'Adda. I genitori: «È lei». La ragazza inghiottita dal fiume l'1 settembre

Lunedì 21 Settembre 2020
Hafsa, riconosciuto il cadavere trovato nell'Adda. I genitori: «È lei»

E' di Hafsa, la ragazzina marocchina inghiottita dall'Adda fiume il primo settembre, il corpo ripescato nell'Adda ieri. I genitori hanno proceduto al riconoscimento in obitorio. In precedenza rilievi della Polizia di Stato erano già giunti alle identiche conclusioni.

Trovato cadavere nel fiume Adda: forse della ragazza scomparsa che il papà continuava a cercare

Il cadavere era stato rinvenuto l'altra mattina da due pescatori, a 500 metri dal ponte di San Pietro, a Berbenno (Sondrio). Hafsa, 15 anni, era stata inghiottita dalle acque del fiume mentre tentava di attraversarlo per raggiungere una spiaggetta. Il papà era in Marocco. Da quando era tornato, ogni giorno era andato al fiume in bicicletta per immergersi in acqua e cercare la figlia. Una scena straziante, angosciante e tenera allo stesso tempo, immortalata da un video pubblicato su facebook.
 

 

Ultimo aggiornamento: 19:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA