Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Terni, lottava contro il cancro da quando aveva cinque anni: Diletta muore tra le braccia dei genitori

Dieci anni fa la terribile diagnosi: tumore al cervello. La nonna: «Era una bambina straordinaria, siamo distrutti»

Domenica 31 Luglio 2022 di Alberto Favilla
Terni, lottava contro il cancro da quando aveva cinque anni: Diletta muore tra le braccia dei genitori

E' stata strappata alla vita a soli 15 anni. Diletta Marchegiani viveva a Terni nei pressi del quartiere di Campitello. La bambina si era ammalata circa dieci anni fa. Faceva fatica a tenersi in equilibrio, poi altri sintomi, disturbi neurologici, quindi la visita specialistica e la terribile diagnosi: un tumore al cervello. Da quel giorno era il 2012 per Diletta è iniziato un vero e proprio calvario che sembrava concluso dopo l'intervento chirurgico alla testa effettuato al Santa Maria di Terni dal dottor Carletti, un luminare in questo campo.

Ragazza insultata: «Sei goffa, cadi sempre». Ma scopre di avere un rara sindrome agli arti

La storia di Diletta

Una situazione, comunque, da tenere sotto controllo, tanto che i suoi genitori, il papà Paolo e la mamma Tiziana, hanno portato Diletta anche a Milano, all'Istituto nazionale dei tumori. Le cose sembravano andare per il verso giusto fino a quando, circa due anni fa, è apparsa una recidiva. Altre visite, Diletta è stata ricoverata per un periodo anche all'ospedale Bambin Gesù a Roma - altre cure, chemioterapie, ma la malattia ha continuata ad avanzare fino a quando l'altro giorno è spirata tra le braccia dei genitori e nel dolore dei nonni a cui era legatissima.

A tutti, a nonna Rosella in particolare. «Diletta era una bambina straordinaria, solare, con tanta voglia di vivere racconta, affranto, il papà Paolo la famiglia per lei era tutto e poi era ottimista. Vedeva sempre il bicchiere mezzo pieno. Siamo distrutti». Diletta era iscritta ai Licei Angeloni di Terni. Frequentava l'indirizzo economico sociale la classe seconda - anche se quest'anno aveva frequentato poco per l'aggravarsi della malattia. Amava la musica e gli amici con Ilaria, la sua amica del cuore, erano un tutt'uno ma un triste destino ha voluto che se ne andasse proprio sul più bello, quando la vita, a quell'età, 15 anni soltanto, sembra davvero bella.

Ultimo aggiornamento: 13:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci