Roma, cuoca nel centro per minori pagava 16enni per fare sesso: in cambio vestiti e paghette

Cuoca nel centro minori pagava 16enni per fare sesso: in cambio vestiti e paghette

di Adelaide Pierucci

L’orco stavolta è donna, una operatrice. E pronta a portarsi in albergo minorenni stranieri e senza genitori. È una storia choc quella appena aperta in un’aula di piazzale Clodio. Una trentaquattrenne ciociara, dipendente in un centro di accoglienza per minori, per mesi ha approfittato sessualmente di alcuni giovani ospiti, portandoli, se necessario, anche a letto in stanze a pagamento. Lei 34 anni, cuoca in una piccola struttura del frusinate per immigrati minorenni e non accompagnati; loro ragazzini tra i 14 e i 17 anni con un futuro incerto, sbarcati qualche tempo prima a Roma e trasferiti a Sant’Ambrogio sul Garigliano. Al palazzo di giustizia di Roma ora la donna con tendenze pedofile dovrà affrontare un processo per induzione alla prostituzione minorile. Gli adolescenti abbindolati – tre quelli accertati – avevano accettato regali, per lo più paghette, vestiti e vecchi telefonini, rendendosi, di fronte alla legge, dei baby gigolò. 

A far scoperchiare il caso, tenuto finora riservato, un collega dell’imputata alla “La Casa di Tom”, una struttura convenzionata con dieci ospiti fino a quel momento ritenuti accuditi e controllati a vista. È l’estate 2015. L’operatore rivela subito alla direzione le confidenze di un ospite. «Ho una storia con una operatrice. Se non ci credi guarda la foto», si era quasi vantato Mohamed G., 16 anni, egiziano. Ma l’amore non era lo sfondo giusto. Se solo l’ultimo ospite raggirato avesse avuto meno di 14 anni per la donna il pm Antonio Calaresu, il magistrato titolare dell’inchiesta, avrebbe potuto contestare il reato di violenza sessuale su minori. La cuoca viene subito convocata dalla direzione. Ma non nega. La foto è inequivocabile. Non le resta che confermare. Racconta che la storia col ragazzino è cominciata da un mese, che non lo paga, e i regali sono solo gentilezze. Carinerie che scatenano l’inferno dentro al centro di accoglienza. 

Anche gli altri ragazzini vorrebbero dei soldi in tasca, uno smartphone, e magari un paio di jeans di marca. E allora litigano. Scoppiano pure due risse, di cui si capirà solo dopo la ragione. La direttrice del centro sceglie subito la via della denuncia. «Solo dopo le rivelazioni dell’operatore - fa presente la donna - ho scoperto che il caso era di dominio pubblico tra gli ospiti, tanto da creare problemi di ordine pubblico per fortuna mai più esplosi». La cuoca si dimette subito. «Tolgo il disturbo», dice. Una bugia. Si saprà poi che gli incontri con Mohamed continueranno anche fuori. Possibilmente in albergo, dove lo portava pure in precedenza, anche di notte. Così alla responsabile della struttura non resterà altro da fare che allontanare l’adolescente e trasferirlo in un altro centro. Il trasferimento viene disposto nell’aprile del 2016. Quel giorno nella comunità circola un’altra voce. Altri due ragazzini, uno egiziano e uno tunisino di 14 e 17 anni, erano finiti sotto le grinfie della donna. «Ho saputo in quella circostanza - denuncia la direttrice - che non era la prima volta che si intratteneva sessualmente con gli ospiti della comunità». «In particolare mi veniva riferito, come peraltro confermato da una foto girata su WhatsApp e scattata presumibilmente in un albergo - chiarisce - che la stessa aveva avuto intimità con un altro ospite, un ragazzo egiziano nato nel 1997 ospite nella nostra struttura fino a febbraio 2015». Un giovane che era arrivato a Roma pochi mesi prima e ora irrintracciabile. L’operatrice era stata assunta nel maggio 2013. E il timore che potesse aver molestato altri minori aveva spinto tutti a parlare. Anche il sedicenne egiziano allontanato conferma. Verrà anche chiamato dal V dipartimento del Campidoglio per spiegare il suo trasferimento: «Avevo una relazione con una operatrice, la cuoca», racconta. La procura inquadra il “rapporto” come induzione alla prostituzione minorile. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 5 Maggio 2019, 10:42






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Roma, cuoca nel centro per minori pagava 16enni per fare sesso: in cambio vestiti e paghette
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 16 commenti presenti
2019-05-05 22:38:13
Adolescenti? A Sparta a 16 anni entravano nell'esercito. Violenza? Stando all'articolo, le "vittime" facevano a botte per diventarlo. Donna moralmente condannabile, ma secondo me non piu' di certi uomini che vanno a prostitute.
2019-05-05 16:20:08
Usando internet si legge della Coop rossa che gestisce, si legge che la presidente e il marito sono stati oggetto di indagini l'anno scorso per aver sottratto soldi destinati all'assistenza. Si legge inoltre delle manifestazioni con relative lacrimuccie per accogliere i migranti ed integrarli.
2019-05-05 16:01:35
Del ragazzino leggo nome iniziale cognome e nazionalita'. Della pedofila nulla, considerato quanto fatto con i due delinquenti di Casapound mi aspettavo di più. Si conosce la tendenza politica della struttura convenzionata ?
2019-05-05 20:00:50
Una “tendenza pedofila” così simile a quella dell”utilizzatore finale per cui votavano tanti dei finti perbenisti che viene proprio da ridere.....
2019-05-05 15:43:21
Meraviglia Padana, ciao rico3.