Vaticano, progressi con l'Islam, all'Onu proposta congiunta di una giornata della fratellanza

PER APPROFONDIRE: emirati, islam, papa francesco
Vaticano, progressi con l'Islam e assieme presentano all'Onu la proposta di una giornata della fratellanza

di Franca Giansoldati

Città del Vaticano - Tra una decina di giorni verrà presentata al Palazzo di Vetro, a New York, la proposta di istituire la Giornata Mondialedella Fratellanza Umana in un giorno da definire tra il 3 e il 5 febbraio. Si tratta di una idea portata avanti congiuntamente dall'Islam e dal Vaticano che fino a qualche tempo sa sarebbe stata impensabile.

L'annuncio è stato fatto stamattina, al termine di una giornata dolorosa e simbolica per tutti, l'11 settembre. Una giornata culminata con una preghiera comune durante la quale musulmani e cattolici hanno pregato ognuno secondo il proprio credo. In una saletta di Santa Marta, sono state ricordate le vittime del crollo delle Due Torri e, più in generale, coloro che ogni giorno vengono perseguitati dal terrorismo in varie regioni.
Papa Francesco in Marocco: «Dialogo con l'Islam antidoto contro la paura e l'odio»
«Il giorno 11 settembre è stato individuato come segno della volontà di costruire vita e fratellanza dove altri hanno seminato morte e distruzione».

Missione Emirati, la visita del Papa rilancia il dialogo Il primo incontro del Comitato è servito a mettere a fuoco gli obiettivi da raggiungere secondo la road map contenuta nel Documento siglato a febbraio negli Emirati dal Papa e dalla massima autorità sunnita, l'imam Al Tayyeb. In Vaticano, da una parte del tavolo, c'erano alcuni funzionari scelti da Francesco, dall'altra teologi e universitari provenienti dall'università di Al Azhar e dagli Emirati. Il Comitato al momento è composto da 7 membri ma non è escluso che prossimamente se ne aggiungano altri, di altre confessioni.

La Santa Sede era rappresentata dal vescovo Miguel Ángel Ayuso Guixot, Presidente del Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso (che presto diventerà cardinale) e da monsignor Yoannis Lahzi Gaid, segretario particolare del Papa. L’Università Al-Azhar ha, invece, scelto un teologo e un giurista, Mohamed Husin Abdelaziz Hassan, e Mohamed Mahmoud Abdel Salam. Per gli Emirati c'erano Mohamed Khalifa Al Mubarak, il giornalista Yasser Hareb Almuhairi e da Sultan Faisal Al Khalifa Alremeithi, Segretario Generale dei Muslim Elders. Durante la riunione sono stati invididuati alcuni passi concreti da intraprendere per dare avvio ad un percorso culturale che prevede la massima diffusione del testo sulla Fratellanza non solo a livello accademico, soprattutto per rafforzare le corrente che fa capo all'Islam moderato.
Papa Francesco difende il documento sull'Islam, aiuta a evitare lo scontro con i cristiani
Il mese scorso, durante il Meeting di Rimini, l'imam di Aleppo aveva annunciato che il documento di Abu Dhabi lo aveva già fatto distribuire nelle scuole coraniche sotto il suo controllo. Papa Francesco ha salutato i membri del comitato chiamandoli «artigiani della fraternità», ma soprattutto incoraggiandoli a tendere la mano e ad aprire il cuore. 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 11 Settembre 2019, 16:52






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Vaticano, progressi con l'Islam, all'Onu proposta congiunta di una giornata della fratellanza
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2019-09-12 01:52:57
Ah ah, la giornata della fratellanza... Finira' come il 25 aprile in italia: alcuni festeggeranno, altri no.
2019-09-11 17:45:04
Egregio Papa France': qualcuno si domanda come mai il suo apostolato si orienti a questioni in prevalenza già discusse (che tanto non se ne fa niente), come il clima.. gli incendi e la deforestazione dell'Amazzonia per opera di autentici fuorilegge, nonché banditi latifondisti che operano in maniera selvaggia su quei territori per trasformarli in vaste distese per la coltivazione della soia.. . ancorché parlare di temi un po' più spirituali; per ricondurre questa dolente umanità a riflettere sul senso della vita nella sua essenza. Ora prende come spunto la data dell'Undici Settembre per mescolare due religioni incompatibili all'insegna della "fratellanza" tra le persone. Ormai qualcuno non abbocca più a certe manovre a cui manco il Vaticano si è mai sottratto e i fatti parlano da soli. Se poi andiamo a vedere quel che succede negli "Emirati Arabi".. . stiamo freschi! Dove i feudatari sanguinari di quel regime non lesinano la scimitarra, il taglio della mano (quando non del cranio).. segare a pezzi un giornalista (Jamal Khashoggi) o le pietre da tirare alle donne e non meno le frustate.. Mbehh.. non so cos'altro aggiungere se non che anch'io oggi nella ricorrenza tragica di diciotto anni fa, sono andato col pensiero a quelle 2.974 vittime (è una stima approssimativa certo), ma non per questo ho mai smesso (e come tanta altra gente) di informarmi diversamente negli anni, cercando un po' di verità su quei torbidi fatti attribuiti da un pezzo di establishment criminale tutt'ora operante in America - esclusivamente a personaggi fittizi da dare in pasto ad un'opinione pubblica impreparata all'epoca, quanto la Rete Internet era ancora agli albori.
2019-09-11 20:48:25
Parole sante fenoldi.