Cade e si fa male, ma vicino c'è un attraversamento pedonale. Assolto il Comune

Martedì 21 Luglio 2020
Se attraversi la strada ed inciampi in una buca cadendo e ferendoti e lì vicino c’è un attraversamento pedonale, la colpa è tua e non può essere del Comune “proprietario” della strada e, per conseguenza, sotto accusa per il cattivo mantenimento della via. L’originale sentenza è del giudice monocratico del Tribunale di Teramo, Claudio Di Giacinto, il quale ha respinto l’appello proposto da R,M, una donna di Alba Adriatica contro la sentenza emessa dal Giudice di Pace dello stesso Tribunale, il quale per la sua caduta a causa di una buca, a Giulianova, all’incrocio tra il lungomare monumentale e corso Nazario Sauro aveva accertato la responsabilità del Comune stesso condannando quest’ultimo a risarcire la donna con la somma di 5000 euro con interesse all’epoca della richiesta di risarcimento ed al pagamento del cinquanta per cento delle spese di giudizio.

La sentenza era stata appellata dal Comune di Giulianova che si era costituito in giudizio . La donna, nel cadere a terra si era procurata un trauma contusivo al ginocchio destro con escoriazione-distorsione della caviglia e trauma contusivo minore con prognosi di quindici giorni, Il giudice Di Giacinto ha stabilito che la donna non ha attraversato la strada servendosi del vicino attraversamento pedonale lì presente ma è scesa dal marciapiede direttamente sulla strada dove si trovava la buca e quindi in area non idonea all’attraversamento dove c’era anche un tombino e tra l’altro il tutto è accaduto di mattino e con visibilità buonaper cui ha riformato la sentenza accogliendola l’appello del Comune e condannando la donna al pagamento delle spese di giudizio di primo grado pari a 1205 euro e 1620 per il secondo.

  Ultimo aggiornamento: 17:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA