Bimbo arriva piangendo in pediatria nel Napoletano, le infermiere lo ignorano: video e sdegno sui social

PER APPROFONDIRE: bambino piange, bimbo, napoli
Bimbo arriva piangendo in pediatria, le infermiere lo ignorano Video
“Abbiamo ricevuto diverse segnalazioni circa un video che circola in queste ore sui social. Secondo chi lo ha postato sarebbe stato realizzato nel reparto di pediatria dell’ospedale di Nola. Il video mostra due infermiere che, nonostante le urla di un bambino, si intrattengono in una stanza a mettere lo smalto. Il post riporta che sarebbe stata la madre del piccolo, un bimbo di tre mesi, a realizzarlo dopo essere entrata con il figlio all’interno del reparto. Qualora fosse riscontrata la veridicità di quanto è sostenuto da chi ha caricato il video saremmo di fronte ad un fatto di una gravità esponenziale”. Lo afferma il consigliere regionale dei Verdi e membro della commissione Sanità Francesco Emilio Borrelli. “Abbiamo inviato una nota all’Asl competente – prosegue Borrelli – chiedendo l’apertura di un’inchiesta interna volta ad evidenziare eventuali responsabilità di carattere disciplinare connesse a questo episodio. Qualora le risultante dell’inchiesta interna evidenzino qualsiasi tipo di negligenza, chiederemo di irrogare sanzioni disciplinari esemplari”.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 5 Giugno 2019, 13:25






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Bimbo arriva piangendo in pediatria nel Napoletano, le infermiere lo ignorano: video e sdegno sui social
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2019-06-06 11:58:14
Da quanto si vede, immagini deplorevoli (a dir poco). Ma. Chi si occupa di bambini percepisce un pianto troppo intenso per essere un "capriccio" (che poi, data l'eta' non e' plausibile) ma che esprime dolore e/o fame. Che andrebbero "trattati" immediatamente. Ma NON sappiamo niente di quel bambino, a chi fosse affidato, cosa facesse li, che problemi avesse e che terapia/trattamenti avesse in corso. Pero' se da genitore/accompagnatore di un bambino che ha un problema urgente cerco aiuto e dentro un ospedale nessuno interviene mi "altererei". O nel filmato manca il secondo pezzo (quello della rissa con gli infermieri) o il filmato e' il solito spezzone che mostra un pezzetto di verita', stravolgendolo. Da un lato in ospedale, specie in PS e in reparti di pediatria, il pianto dei bambini e' una "colonna sonora" fissa: hanno paura, dolore, sono stanchi, sofferenti, stressati e vengono spesso ulteriormente stressati dalle manovre ospedaliere (visite, punture, prelievi, terapie). Ci sono bambini con problemi cronici, stressati da anni di visite, prelievi e manovre invasive che iniziano a piangere, riconoscendo il posto, APPENA entrano in ospedale o in ambulatorio, solo per il pregresso stress. Per chi ci lavora, per quanto "estraniante", sentir piangere un bambino NON e' necessariamente motivo di allarme e/o intervento (anche perche' magari SA gia' perche' qual bambino piange: magari gli hai appena fatto un prelievo difficile e se ti avvicini si spaventa ulteriormente e piange ancora di piu'. Magari hai gia' somministrato un farmaco antidolorifico e stai aspettando che faccia effetto. O qualcuno gli sta scaldando il biberon di latte). Certo che se in un reparto arriva un genitore con un bambino in braccio che piange disperato, magari indirizzato dal PS adulti per una visita o per fare un prelievo andrebbe ACCOLTO in altra maniera. Ma e' tutta la storia che "suona" male. Intanto nel filmato si vedono delle persone in tenuta "ospedaliera". Ma chi erano ? Medici, infermiere, ausiliari, OSA ? Erano di QUEL reparto o di passaggio per altre mansioni ? Ma si stavano sistemando le unghie ? Forse. Ma ritorniamo a compiti e funzioni. Uno puo' essere fori servizio da tempo ed essere rimasto "vestito" per un corso, una riunione, un qualunque altro motivo. Poi che ci sia tanta incuria, menefreghismo, poca voglia di lavorare e' CERTO. Ma andrebbe anche capito chi ne sia il VERO responsabile, sia perche' non fa niente per migliorare la situazione, sia perche' NON reprime gli eccessi. italia
2019-06-06 11:34:48
Nel posto fisso? Questo ed altro. Lo insegna il film di Checco Zalone in "Quo vado?" Comunque sia questa è la realtà dei fatti.
2019-06-06 08:59:51
Sanzioni disciplinari? Ahhahaha sí sí,certo, certo. Gli ospedali...se li conosci non ti uccidono.
2019-06-05 19:03:55
Licenziamento immediato e poi... Reddito di cittadinanza!!!