Un cieco, un cardiopatico e un folle: tre falsi invalidi della stessa famiglia

Un cieco, un cardiopatico e un folle:  tre falsi invalidi, stessa famiglia

di Luca Pozza

VICENZA - La Guardia di finanza di Vicenza ha dato esecuzione ad un provvedimento di sequestro preventivo emesso dal Gip presso il Tribunale berico, cautelando somme di denaro ed un bene immobile nella disponibilità di tre soggetti di origine straniera, appartenenti allo stesso nucleo familiare -  si tratta di B.J., 66 anni, R.J. di 40 e M.J, 69enne - che percepivano pensioni di invalidità. Il terzetto è stato denunciato per ipotesi di truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche.

Gli accertamenti hanno riguardato la percezione da parte dei tre di pensioni di invalidità civile erogate dall'Inps e di altri emolumenti elargiti da altri enti pubblici, a fronte di patologie gravemente invalidanti: cecità assoluta, cardiopatia e menomazioni mentali, tali da impedire, almeno all'apparenza, lo svolgimento di qualsiasi attività lavorativa da parte dei tre indagati. Le indagini sono proseguite effettuando pedinamenti, sopralluoghi, acquisire informazioni e atti presso pubblici uffici, per ricostruire l'effettivo stile di vita quotidianamente tenuto dai tre soggetti finiti sotto la lente di ingrandimento dei militari. Sono state inoltre acquisite ed analizzate da personale medico specializzato le cartelle cliniche ed altra documentazione sanitaria riferita ai tre soggetti.
 


Gli esiti di questi ultimi accertamenti, condotti mediante il supporto specialistico, hanno messo di evidenza l'incoerenza tra le patologie lamentate dai tre soggetti indagati ed il loro quotidiano stile di vita, permettendo di accertare che le somme corrisposte per l'invalidità patita da ciascuno erano da considerarsi percepite illegittimamente. A fronte di questa proposta, l'autorità giudiziaria berica, ha emesso un decreto di sequestro preventivo che ha investito i conti correnti riconducibili agli indagati e quote di immobili di proprietà degli stessi per un ammontare pari ad oltre 90 mila euro.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 7 Novembre 2019, 09:48






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Un cieco, un cardiopatico e un folle: tre falsi invalidi della stessa famiglia
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 120 commenti presenti
2019-11-07 10:13:41
Ma perchè oltre a loro non vengono condannati a pagare in solido anche i medici e tutti i componenti delle commissioni mediche che hanno certificato le invalidità??e ...magari per i medici anche la radiazione dall'albo??
2019-11-07 12:31:10
sono stato umiliato dalla commissione medica ed ho dovuto ricorrere al tribunale per un parente disabile grave dalla nascita ed anche dopo sottoposto a visite umilianti di controllo perchè loro avevano avuto disposizioni per fare quelle visite e poi leggo che questi se la spassavano alla grande. tutti quelli che li hanno visitati senza accorgersi della truffa vanno condannati a pagare quanto rubato e subito esonerati con infamia dal loro lavoro.
2019-11-07 13:11:26
Dovrebbero punire in modo ESEMPLRE i membri delle commissioni che accettano queste invalidità. Mia madre, completamente demente, l' hanno fatta penare sino alla morte senza concederà, e con lei hanno fatto penare noi. Lo dico con tutto il cuore: Maledetti.
2019-11-07 11:23:55
... scusate per averela pensione di invalidità sono stati sottoposti ad una commissione medica ???? Allora in carcere i medici che hanno dato l'OK oppureanche questi hanno preso la " mandola " ????
2019-11-07 10:49:20
tanti auguri a riavere i soldi indietro. e comunque tutta gente da ingabbiare per 10 anni almeno, senza sconti. ma ben sappiamo come funziona in italia. e sarebbe da fare anche un controllo sui medici che hanno confermato la malattia, ben tre invalidi nella stessa famiglia tra l'altro! come al sud, che in un condominio il 75% degli abitanti era malconcio. dai...