La Prima Repubblica non è finita perché era meno onesta ma perché aveva fallito politicamente

PER APPROFONDIRE: prima repubblica
Caro direttore,
un vecchio detto di Leonardo Sciascia, diceva: Gli italiani sono divisi dalle ideologie ma uniti nel malcostume. Se prima gli scheletri nell'armadio li avevano tutti i partiti di destra, centro e sinistra, adesso cambiano i loghi, i nomi e simboli, ma resta, come dicevo prima, il malcostume e malaffare. In questi giorni abbiamo visto scoperchiare nella rossa Umbria l'ennesimo caso di amministratori regionali corrotti. Non era forse meglio rimanere alla prima Repubblica con i vecchi partiti che hanno scritto la Costituzione, naturalmente con un po' di rigore ed onestà? 

Francesco Pingitore
Belluno

Caro lettore, 
all'inizio degli anni 80, in una celebre intervista, il segretario del Pci Enrico Berlinguer lanciò la cosidetta questione morale vantando una diversità antropologica del suo partito e dei suoi militanti rispetto alle altre forze politiche. I fatti e, soprattutto, le inchieste giudiziarie, hanno clamorosamente smentito il leader comunista e la sua visione della realtà. Il malcostume non è un'esclusiva di nessun schieramento. E nessuno schieramento ne è immune. È, non solo in Italia, il vero elemento trasversale della vita politica. Ma non perchè la politica sia sporca, come si sente spesso dire. Ma perchè molti uomini e molte donne - di destra, di centro e di sinistra - sono deboli e vulnerabili di fronte alle tentazioni del potere e del denaro. Due realtà che, nel bene come nel male, sono strettamente legate alla politica, la muovono e la condizionano. Sono uno strumento fondamentale dell'agire pubblico e di ogni attività di governo. Dipende dal valore e dalla funzione che si assegna loro: denaro e potere possono essere infatti un mezzo e uno strumento della politica o diventarne esclusivamente un fine, come è tante volte accaduto. Da questo punto di vista non c'è grande differenza tra Prima e Seconda Repubblica. Possono mutare le modalità del malaffare, ma le dinamiche di fondo rimangono sempre le stesse. E non cambieranno solo perchè qualcuno rimpie le piazze al grido di onestà, onestà, onestà o rivendica una presunta superiorità morale rispetto agli altri. La prima Repubblica non è finita perchè era meno onesta, ma perchè ha fallito politicamente. Si è rivelata impreparata a gestire un mondo diverso da quello della cortina di ferro in cui si era formata. Porta la responsabilità di aver creato uno dei debiti pubblici più colossali del mondo. Ed infine, non ha saputo rivendicare ed esercitare la propria autonomia rispetto a un altro potere, la magistratura, che da Tangentopoli in più ha scandito le svolte politiche di questo Paese.

    
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 18 Aprile 2019, 12:57






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
La Prima Repubblica non è finita perché era meno onesta ma perché aveva fallito politicamente
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2019-04-18 19:47:26
Amburgo, non cambiare le carte in tavola.Siri e' solo indagato e di maio vuole le sue dimissioni,perche' di maio non ha fatto la stessa cosa con la Raggi 2 anni fa, quando venne indagata!!!!!!!
2019-04-18 17:26:50
Amburgo,"2-perché quando un Esponente del M5S è coinvolto in fatti o vicende gravi viene immediatamente allontanato o espulso dal Movimento senza attendere i gradi di giudizio della Magistratura." RACCONTALA GIUSTA:dopo 2 anni la Raggi e' ancora al suo posto, mentre per Siri della Lega[solo indagato] di maio vuole le sue dimissioni
2019-04-18 13:19:30
La prima Repubblica cadde' perche' era giunto il suo momento,dopo decenni di egemonia democristiana, non certo per il pool mani pulite. La paura che i comunisti prendessero il potere che aveva allarmato la DC,infatti, cadde con la scomparsa del muro di Berlino e del blocco sovietico.Quale fu la differenza tra Democristiani e PCI? I primi dovettero mettere su per le loro campagne politiche una macchina costosissima che si presto' alla corruzione come naturale che fosse, i Comunisti invece con la loro vocazione Iideologica fatta di persone che prendevano "voti" clericali in cui si faceva tutto per il Partito, ebbero nella loro economicissima macchina costituita da volontari militanti (di cui bisogna dare atto della onesta'), che nulla mai chiesero e pretesero, il suo punto di forza. Ma qualche dirigente del PCI le mani in pasta li mise pure, ma tante'..
2019-04-18 19:41:42
Sicuramente la Prima Repubblica e' finita in un fallimento. Ma il fallimento e' stato certificato da indagini giudiziarie se non "di parte" perlomeno "strabiche" (guardavano soprattutto verso il centro-destra)
2019-04-18 16:42:12
Mica sbagliato essere umili nelle proprie capacità