«Siete lenti, qui la gente sta male»: prende a schiaffi la dottoressa al Pronto soccorso

«Siete lenti, qui la gente sta male»: prende a schiaffi la dottoressa al Pronto soccorso
Una dottoressa è stata presa a schiaffi da un paziente stanco di aspettare nel corridoio dell'ospedale. È successo a Santa Maria del Carmine di Rovereto, in provincia di Trento. La dottoressa della guardia medica ha cercato di calmare il paziente esagitato, ma per tutta risposta è stata insultata e presa a schiaffi.

Un trentenne (già conosciuto dalle forze dell'ordine) che aveva bisogno di una visita medica si è seduto nel corridoio davanti agli ambulatori della guardia medica. I minuti passano e l'uomo, come racconteranno poi alcuni testimoni agli uomini della polizia di stato, comincia a spazientirsi: vuole essere visitato subito, non gli va di aspettare il suo turno e inizia ad inveire contro il personale medico: «Siete lenti, qui c'è gente che sta male, voglio essere visitato...».

In quel momento una giovane dottoressa che era uscita dall'ambulatorio per recarsi in bagno vede l'uomo esagitato e lo invita alla calma: «Stiamo visitando altre persone, presto arriverà il suo turno...». Ma non c'è verso di calmarlo: dalle urla l'uomo passa alle bestemmie e alle offese nei confronti della donna: un atteggiamento sempre più aggressivo che sfocia in un sonoro ceffone rifilato alla dottoressa. La quale, terrorizzata, va a rinchiudersi a chiave assieme alle altre due colleghe in ambulatorio. A quel punto scatta la telefonata alle forze dell'ordine mentre l'uomo si allontana dall'ospedale. In realtà riesce a percorrere qualche decina di metri perchè una volante del commissariato di pubblica sicurezza lo ferma e lo identifica. Si tratta di un personaggio già noto per alcuni precedenti ai quali si aggiungerà ora la denuncia per resistenza e violenza a pubblico ufficiale.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 3 Novembre 2018, 16:48






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Siete lenti, qui la gente sta male»: prende a schiaffi la dottoressa al Pronto soccorso
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2018-11-03 17:26:53
In un altro articolo di questo Quotidiano c'è il caso di un insegnate che ha ricevuto uno sputo da un genitore a scuola. Se non erro i Dipendenti dello Stato nell'esercizio delle loro funzioni sono Pubblici Ufficiali.
2018-11-04 11:25:06
Purtroppo che siano o meno dipendenti dello stato, l'avranno gia' rilasciato e sara' gia' a spasso. Per cui cosa volete che gli interessi. Provate tenerlo in galera un annetto magari facendolo lavorare per mantenersi, questa sarebbe giustizia non quella di oggi.