Per Papa Francesco c'è l'ombra del demonio dietro al caso Viganò

PER APPROFONDIRE: demonio, papa francesco, vaticano, viganò
Per Papa Francesco c'è il demonio dietro al caso Viganò

di Franca Giansoldati

Città del Vaticano - Ci sono gli artigli del signore delle tenebre. Altro che complotto dei conservatori. Ecco cosa c’è dietro la bufera scatenata da monsignor Carlo Maria Viganò che, con il suo memoriale, ha scatenato una valanga di accuse e contro accuse, fino ad arrivare a chiedere a Francesco le dimissioni e a provocare grande disagio tra i fedeli. Papa Francesco nella messa celebrata a Santa Marta stamattina si è soffermato a riflettere su questo periodo turbolento, intravedendovi dietro l’azione del demonio. «In questi tempi sembra che il Grande Accusatore ce l’abbia con i vescovi per creare scandalo. I vescovi devono quindi ricordare tre aspetti fondamentali: la loro forza è essere uomini di preghiera, avere l'umiltà di sapere di essere stati scelti da Dio e rimanere vicino al popolo».
Questa riflessione è partita del ruolo dei vescovi e da lì è proseguita sui loro compiti. Proprio in questo periodo a Roma si stanno facendo tre corsi: uno di aggiornamento per i presuli che hanno fatto 10 anni di episcopato, uno per 74 vescovi che lavorano nelle missioni ed un’altro con 130-140 vescovi che appartengono alla Congregazione dei Vescovi.

Il Papa ha sottolineato che la preghiera resta «la consolazione che un vescovo ha nei momenti brutti».  Il secondo atteggiamento è stare lontani dal potere. «Il vescovo che ama Gesù non è un arrampicatore che va avanti con la sua vocazione come fosse una funzione, forse guardando a un’altra possibilità di andare avanti e di andare su: no. Il vescovo si sente scelto. E ha proprio la certezza di essere stato scelto. E questo lo porta al dialogo con il Signore: Tu hai scelto me, che sono poca cosa, che sono peccatore …: ha l’umiltà. Perché lui, quando si sente scelto, sente lo sguardo di Gesù sulla propria esistenza e questo gli dà la forza».

Infine, ha aggiunto, «il vescovo non è mai distante dal popolo, non usa atteggiamenti che lo portano a essere distante dal popolo; anzi il vescovo tocca il popolo e si lascia toccare dal popolo. Non va a cercare rifugio dai potenti, dalle élite: no. Saranno le élite a criticare il vescovo ».

Il filo del discorso del Papa è poi caduto sull’azione del demonio. «In questi tempi sembra che il Grande Accusatore si sia sciolto e ce l’abbia con i vescovi. E vero, ci sono, tutti siamo peccatori, noi vescovi. Cerca di svelare i peccati, che si vedano, per scandalizzare il popolo. Il Grande Accusatore che, come lui stesso dice a Dio nel primo capitolo del Libro di Giobbe, “gira per il mondo cercando come accusare».

Per Papa Francesco il demonio «non è un mito, una rappresentazione, un simbolo, una figura o un'idea». In più occasioni, anche nell'esortazione apostolica Gaudete et Exsultate, il pontefice ha messo  in guardia dall'«inganno» del demonio. A tal proposito ha scritto: «Non ammetteremo l'esistenza del diavolo se ci ostiniamo a guardare la vita solo con criteri empirici e senza una prospettiva soprannaturale. Proprio la convinzione che questo potere maligno è in mezzo a noi, è ciò che ci permette di capire perché a volte il male ha tanta forza distruttiva»,

Il demonio «non ha bisogno di possederci», ribadisce Francesco. «Ci avvelena con l'odio, con la tristezza, con l'invidia, con i vizi. E così, mentre riduciamo le difese, lui ne approfitta per distruggere la nostra vita, le nostre famiglie e le nostre comunità».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 11 Settembre 2018, 16:54






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Per Papa Francesco c'è l'ombra del demonio dietro al caso Viganò
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 20 commenti presenti
2018-09-15 10:07:13
@pino: Ma davvero ci prova con un indottrinato a pensiero unico come binariomorto? Lei vive di speranza! :)
2018-09-15 10:05:50
Parla quello che ha nascosto alla legge RIPETUTI CRIMINI perpetrati dai suoi leccapiedi. Poi il male sono gli altri. Ma stia zitto...
2018-09-11 18:00:47
Giobbe era uomo "integro e retto, temeva Dio ed era alieno (estraneo) dal male". Così viene presentato un personaggio straordinario della letteratura biblica, ed è un libro tra i più avvincenti, credo, dell'A.T. Ma qui confondere Giobbe con altri personaggi reali e contemporanei.. prelati e uomini di culto che si lasciano andare a scandali, furti d'identità dell'anima e dell'innocenza dei "più piccoli" come li chiamava Gesù Cristo, non può calzare e trovare attenuanti, seppure il maligno è senz'altro l'istigatore, certo, ma chi commette il male è consapevole di ciò che fa. Momenti duri per la Chiesa, ove sicuramente giocano anche forze della sovversione; dove la squadra e il compasso sono entrati già ai tempi di Paolo VI° e lo scopo è quello della scristianizzazione umana e sociale, intesa non tanto come mera osservanza di riti (magari bigotti) quanto invece mirati ad estirpare il senso del trascendente (Dio) dall'animo umano.. . togliere il Kathekon.. il potere che frena (l'avvento di quell'Altro)..
2018-09-11 18:58:35
... i peccati degli uomini di chiesa sono talmente tanti che se il diavolo dovesse davvero far fare espiazione dovrebbe assumere altro personale..
2018-09-12 00:42:20
Almeno ogni tanto ne dice una giusta. E' il Vaticano stesso a creare l'ombra del demonio. Raso al suolo il primo, resta semplicemente luce!