Zingari e non rom, nella dittatura del politicamente corretto la sola regola è vietare

PER APPROFONDIRE: rom, treno, zingari
Caro direttore, leggo il titolo di prima pagina e di pagina 10 del giornale di ieri: Rom via avete rotto. E no Direttore la capotreno ha detto Zingari....... Sono stupito nel constatare che anche il nostro giornale si adegua al politicamente corretto. Solo all'interno del testo viene riportata la giusta parola di zingari, ma come lei, per la maggior parte dei lettori, è il titolo che rimane maggiormente impresso. Sempre comunque con grande stima e apprezzamento.

Rinaldo Rinaldi
Padova


Caro lettore, 
penso che la maggioranza di chi ci legge sappia che i rom sono un dei principali gruppi etnici della popolazione di lingua Romani detta genericamente zingara. Detto ciò lei ha ragione: avremmo dovuto scrivere zingari perché questo era il termine usato (a torto o a ragione) dalla capotreno. E non avremmo dovuto, almeno in questo caso, sottostare ai ridicoli divieti che inibiscono l'uso di alcuni termini perché considerati discriminatori. Ricordo di aver letto qualche anno fa su un quotidiano politicamente correttissimo un dotto e argomentato articolo di Guido Ceronetti che spiegava come era più corretto parlare di zingari che di rom. Lo trovai efficace e convincente. Credo che non dovremmo aver paura delle parole ma preoccuparci del loro uso corretto. Nella dittatura del politicamente corretto esiste invece una sola regola: vietare.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 10 Agosto 2018, 16:28






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Zingari e non rom, nella dittatura del politicamente corretto la sola regola è vietare
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 13 commenti presenti
2018-08-10 19:51:14
non ho capito. Dire "Zingari" viene deprecato? Da chi, esattamente?
2018-08-10 19:07:36
E invece di vietare certi termini, perchè non vietano certe loro azioni? Pardon, la legge le vieterebbe, ma poi chi dovrebbe far applicare la legge, le tollera senza molti scrupoli.
2018-08-10 18:56:18
Zingari o Rom bisogna sempre essere signorili e non scendere MAI ai loro livelli. La Donna in treno ha fatto malissimo a offenderli. Bastava attenersi alle disposizioni ricevute ed avvisare chi di dovere! Se non lo fa una pubblica dipendente chi deve farlo?
2018-08-10 19:22:12
Ma di cosa parla....ha mai avuto a che fare con loro? Arroganti, violenti, maleducati, imbroglioni.... Con le disposizioni ci si può pulire i cessi, non servono a niente quando ci sono loro di mezzo. I capotreni, come i conducenti di autobus sanno che è una battaglia persa e che se solo ci provano, se gli va bene vengono accusati di razzismo. Ha mai sentito un pubblico ufficiale tutelato perché facendo il suo lavoro ha pestato i piedi a quella gente lì? Non mi piacciono, ma in certi casi sarei molto poliziotto americano....giù durissimo...non se ne può più.
2018-08-10 22:43:25
Il poliziotto americano mi statebbe propio bene. Senza sinistri e relativi magistrati sarebbero già scappato