Detenuto si scaglia contro tre poliziotti al grido di «Allah akbar!»

Detenuto si scaglia contro tre poliziotti al grido di «Allah akbar!»
PADOVA - In carcere a Padova tre poliziotti penitenziari sono stati aggrediti, prima verbalmente e poi fisicamente, da un detenuto nordafricano che li ha assaliti gridando «Allah akbar!». A darne notizia, in una nota, è Giovanni Vona, Segretario Nazionale per il Triveneto del Sindacato autonomo Polizia penitenziaria Sappe.

«È successo che ieri mattina, all'interno della Casa di reclusione patavina,un detenuto maghrebino - rileva -, per ragioni assolutamente sconosciute, ha dapprima cercato di aggredire il personale di Polizia penitenziaria in servizio nella Sezione detentiva e poi, durante l'accompagnamento dello stesso presso gli ambulatori infermieristici, ha tirato fuori una lametta abilmente occultata ed ha cercato di ferire il personale che lo stava accompagnando. Ne è nata una colluttazione. Il detenuto è stato immobilizzato, ma tre poliziotti sono rimasti contusi. Aspetto inquietante, di questa vergognosa storia, è stato che il soggetto si è scagliato contro i colleghi al grido "Allah Akbar"
. Stiamo parlando di un detenuto di circa 45 anni, ristretto per reati di lesioni, resistenza, rapina a mano armata e altro. Ormai non abbiamo più parole per descrivere le criticità delle carceri del Triveneto e le conseguenti pericolose condizioni di lavoro di chi vi lavora, in primis appartenenti alla Polizia Penitenziaria».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 28 Giugno 2018, 15:10






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Detenuto si scaglia contro tre poliziotti al grido di «Allah akbar!»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 8 commenti presenti
2018-06-28 18:48:00
No lo avrebbe assolto comunque.
2018-06-28 15:16:54
Risorse Mussulmane da mantenere e contenere. MAndarli nel loro paesello noo?
2018-06-28 15:15:40
In questa notizia vorrei sapere se l'aspetto piu' importante sia che il magrebino abbia assalito i poliziotti penitenziari oppure che abbia gridato "Allah akbar".