La sua compagna cade e muore, Didy
lasciata in quota: dilaniata da animali

La sua compagna cade e muore, Didy lasciata in quota: dilaniata
da animali

di Simona Pacini

SANTO STEFANO (BELLUNO) - È stata ad attendere il suo padrone alla partenza del sentiero come faceva sempre, rifiutandosi di seguire coloro che la volevano riportare a casa. Ma il destino ha riservato una fine atroce alla piccola Didy, una cagnolina meticcia di colore bianco.



La cagnetta di Rolando De Zolt, l’alpinista rimasto gravemente ferito sabato pomeriggio cadendo sulle cascate di ghiaccio del monte Col mentre cercava di raggiungere la sua compagna, Manuela, morta precipitando in un canalone, non ha passato indenne la notte da sola in montagna.



Il soccorritore che l’altra mattina è tornato a prenderla per portarla a casa l’ha trovata ormai senza vita, dilaniata probabilmente da un animale selvatico.



Dettagli e approfondimenti sul Gazzettino di Belluno in edicola oppure nell'edizione digitale cliccando qui
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 28 Gennaio 2014, 09:56






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
La sua compagna cade e muore, Didy
lasciata in quota: dilaniata da animali
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 36 commenti presenti
2014-01-29 13:24:41
enrico79 Indottrinato è colui che vuole stravolgere quello che è sempre stato. Tu, se fai quello che vuoi, per me non è un problema, che tu venga a dirmi e a colpevolizzarmi perchè mi mangio una bistecca...mi sa che chi è integralista e indottrinato sei tu. Io non ti ho mai detto e non ti ho mai apostrofato per i tuoi usi e abitudini. Tu, invece, lo hai fatto con me, e anche pesantemente. Se non capisci la differenza è un tuo problema, non certamente mio. Prova a chiedere ad un sacco di popolazioni se gli togli gli animali cosa succede... I lapponi con le renne, gli eschimesi con le foche...gli indiani d\'america con i bisonti, i popoli dell\'asia con capre e cavalli...Popoli interi dove la loro vita dipende dagli animali, esclusivamente dagli animali, sia come aiuto che come nutrimento...i nostri vecchi dicevano che del maiale non si butta via niente, tutto veniva utilizzato. I miei nonni, quelli di mia moglie, hanno vissuto tutti ben oltre i 75 anni, in un paio di casi oltre i 90, mangiando carne senza problemi. Non c\'è nessunissima statistica che chi non mangia carne vive più a lungo e meglio. Certo, che se uno va al Mc Doanald tutti i giorni...ma li il problema è un altro.. Anche un buon bicchiere di vino fa bene, l\'abuso no, come la carne e il pesce...anche se come scritto sopra, intere popolazioni basano la loro dieta esclusivamente sulla carne... Penso che faccia peggio fumare, passeggiare in una nostra città, respirare quest\'aria....ce ne sono di cose che fanno peggio di una bistecca.. E poi, io, donatore da trent\'annni di sague, almeno 4 o 5 volte l\'annno, ricevo raccomandazioni per mangiare carne rossa dai medici...per tirar su il ferro... Ci sono paliativi, è vero, ma non hanno la stessa efficacia...e poi, a me piace, e molto, e nessuna ragione scientifica razionale o religiosa mi vieta di farlo, neanche il senso di colpa. Ma se la danno perfino in ospedale la carne...se facesse così male come dici, sarebbe interdetta...no? Saluti...
2014-01-29 12:16:40
Sarevede Non è proprio così...le nostre viscere, nell\'evoluzione, non si sono mai adattate al consumo della carne e nemmeno i nostri denti....l\'intestino dei carnivolri, tutti, è molto più corto del nostro. Come mai? Le reazioni che avvengono nel corpo quando uno consuma carne, indicano inequivocabilmente che è un cibo tossico a prescindere dal fatto che essa sia biologica o di derivazione industriale. Comunque a me non interessa convincere nessuno: ci si appella alla scienza, e questa è quello che la scienza ha dimostrato, che la carne fa male. Solo che siamo abituati a far ragionamenti sempre atavici. In origine l\'uomo era vegetariano mangiava frutta, bacche, radici e tutto crudo; poi, con le glaciazioni ( e l\'avvento del fuoco), comincia a consumare carne. Vedi, però c\'era un motivo di fondo! Ma oggi? Senza contare l\'enorme inquinamento che gli allevamenti comportano.
2014-01-29 11:51:40
enrico79 ricordati che i tuoi [nostri ] antenati mangiavano la carne cruda e bevevano anche il sangue e se siamo qui vuol dire che non sono morti per aver mangiato carne cruda.
2014-01-29 11:39:50
@Fiocchi Sentiamo un pò Fiocchi, allora, visto che ti basi su razionalità e scienza ( da quello che mi pare di intuire dalla tua risposta ad Antonio), sempre se vuoi rispondermi, visto che mi hai parlato di biologia. Visto che dai tanto scontato, naturale e benefico, mangiare cane...saprai anche bene cosa comporta per il corpo il metabolizzare la carne e le proteine animali? Saprai bene che il benessere del corpo mi dipende da un delicato equilibrio che la carne tende ad alterare in modo equivocabile e che il corpo raramente riesce a smaltire... Ci sono tante pubblicazioni scientifiche sul perchè la carne faccia male e sia da considerarsi inadatta e non naturale per l\'uomo e nessuna pubblicazione scientifica che dimostri che la carne fa bene e sia un alimento naturale per l\'uomo. Queste cose sono a disposizione di tutti.
2014-01-29 11:04:29
@Fiocchi Sorrido Fiocchi, sorrido...sei troppo indottrinato e impostato...e parecchio...certi commenti tuoi ora si spiegano molto bene. Il mondo è diviso in due: chi dubita e chi prega. Hai scritto una baraonda di ovvietà; mi ricordi un medico che qualche anno fa mi disse \" la carne si mangia perchè è scritto nella creazione che l\'uomo deve cibarsi della carne...\" ma non mi seppe spiegare come mai a distanza di 15 anni ancora non ero morto... Sono quelle persone che non si fermano mai a ragionare e che prendono per oro colato tutto quello che vien loro detto e raccontato. Per carità, ognuno rimane della sua opinione e si assume la responsabilità di quel che fa. Ma ripeto,nel rispetto delle scelte diverse, chiamamo le cose con il loro nome: chi consuma carne è corresponsabile, magari ognorandolo, di una serie di brutalità senza fine. E non ammetterlo significa, quello sì, essere integralisti.