La Campagnolo delocalizza
in Romania: mobilità per 68

PER APPROFONDIRE: biciclette, campagnolo, romania, vicenza
La Campagnolo delocalizza in Romania: mobilitá  per 68 lavoratori

di Giorgio Zordan

VICENZA - La Campagnolo, uno dei marchi più prestigiosi al mondo nel campo dei componenti per biciclette da corsa e non, delocalizza in Romania e annuncia il licenziamento di 68 lavoratori a Vicenza.



Ne danno notizia Fim Cisl – Fiom Cgil. «Nell'incontro che si è svolto mercoledì 21 la direzione aziendale – spiegano i segretari delle due organizzazioni sindacali Maurizio Montini e Maurizio Ferron - ha annunciato ai rappresentanti dei lavoratori e a Fim e Fiom l'intenzione di procedere con una pesante ristrutturazione che colpisce la casa madre di Vicenza, cioè lo stabilimento principale del gruppo. Una ristrutturazione che prevede la delocalizzazione negli stabilimenti della Romania di una parte delle attività produttive ed il conseguente esubero di 68 lavoratori vicentini, in larga parte operai».



La delegazione sindacale ha contestato fin da subito il piano presentato, non soltanto «per l'evidente danno occupazionale e svilimento della sede storica della Campagnolo, ma anche perché non prevede gli investimenti, da tempo richiesti e discussi, per rendere lo stabilimento vicentino efficiente e competitivo all'altezza delle nuove sfide del mercato globale. Decidere, come è stato fatto, di non investire e di tagliare l'occupazione trasferendo all'estero le produzioni, significa scegliere una scorciatoia che non porta da nessuna parte».



«Per altro stiamo parlando – proseguono Montini e Ferron - di un'azienda con bilanci in positivo e di un prestigiosissimo marchio del “made in Italy” che fa della sua qualità il suo segno distintivo nel mercato sia dello sport agonistico che amatoriale. Non vorremmo che diventasse nel più o meno breve tempo, sostanzialmente “made in Romania” ».

L'azienda ha ufficializzato oggi l'apertura della procedura di mobilità e i lavoratori hanno da subito avviato iniziative di lotta con scioperi articolati e presidio che proseguiranno nei prossimi giorni.

«Fim e Fiom – concludono i due segretari - invitano la direzione aziendale ad aprire fin da subito un confronto vero e costruttivo che abbia come priorità gli investimenti, la competitività e l'occupazione dello stabilimento di Vicenza».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 23 Gennaio 2015, 22:24






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
La Campagnolo delocalizza
in Romania: mobilità per 68
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 24 commenti presenti
2015-01-24 18:45:12
Ci ha provato anche Nokia Ha provato anche Nokia a delocalizzare in Romania, esattamente pochi chilometri prima di Cluj-Napoca: hanno costruito un vero e proprio paese per i lavoratori locali, con scuole, mense, abitazioni......; risultato, dopo nemmeno due anni hanno chiuso tutto, perché con il materiale che serviva per costruire 100 telefoni (esempio), dalla produzione ne uscivano solo 10....il resto se lo rubacchiavano i dipendenti.....Auguri Campagnolo.
2015-01-24 16:57:30
Le aziende ... ... non sono enti benefici, anzi per statuto chi responsabile ha obbligo di perseguire a lecito profitto, in difetto rischierebbe anche azioni penali. I sindacati, gli operai e chi eventuali altri invece di inveire contro la proprieta\' che inveiscano vs i veri e il vero artefice dell\'attuale status del sistema italico, vs il governo e rispettive caste al fine di cambiare rotta. Quindi, come rimarca Jucques de Molay, \'tutto il resto... solo chiacchiere...\'.
2015-01-24 16:54:03
rispondo a copppertone ciao sono dipendente Campagnolo e ti rispondo non siamo in 500 operai ma 250 fra qualche anno rimarrà solo la base qui mah!
2015-01-24 15:43:58
Mi viene un dubbio... Ma chi ci lavorera`?I romeni sono tutti qui`.
2015-01-24 14:00:36
perchè invece di aiutare le banche vedi BCE ancora l\'altro ieri ,si stangano le aziende in ITALIA.