Trump licenzia il "falco" John Bolton via Twitter, il consigliere: «Mi sono dimesso io». Il disaccordo sull'Iran

Trump licenzia il "falco" John Bolton via Twitter. Il consigliere: «Mi sono dimesso io»

di Anna Guaita

NEW YORK – Era nell’aria. Da tempo si sapeva che Donald Trump era entrato in rotta di collisione con il suo consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton. E ora il presidente ha rotto gli indugi, annunciandone il licenziamento. Bolton è stato il “falco” dell’Amministrazione, sempre favorevole a interventi militari, e contrario al dialogo. Ultimamente le sue posizioni lo avevano contrapposto alle posizioni più moderate del segretario di Stato Mike Pompeo, e girava voce che i due neanche si parlassero più.

LEGGI ANCHE --> Donald Trump, cala il gradimento del presidente Usa per la paura della recessione
Afghanistan, Trump cancella i colloqui segreti di pace con i talebani: «Non tratto con chi fa stragi»

L’annuncio del licenziamento è arrivato con uno dei soliti tweet di Trump: “Ho chiesto le dimissioni a John, e lui le ha presentate prontamente” ha scritto il presidente. Il testo del messaggio era abbastanza duro: “Sono stato in forte disaccordo con molti dei suoi suggerimenti, e così anche altri nell’Amministrazione”. Non esattamente un addio affettuoso.

 
I punti di «disaccordo» tra il presidente Usa e Bolton, riporta la stampa Usa, riguardavano i dossier di politica estera più scottanti: Iran, Corea del Nord e Afghanistan. In particolare, le aperture diplomatiche che Trump sta facendo nei confronti di Teheran e Pyongyang hanno trovato l'opposizione di Bolton, che ha sempre ritenuto l'Iran e la Corea del Nord degli interlocutori inaffidabili. La tensione tra i due, scrive il New York Times, è cresciuta negli ultimi mesi, dopo la decisione di Trump di cancellare il già pianificato attacco aereo sull'Iran, in risposta all'abbattimento di un drone Usa, ULteriore motivo di frizione, sarebbe stata la decisione di Trump di incontrare il leader nordcoreano Kim Jong Un nella zona demilitarizzata al confine tra le due Coree. Bolton era favorevole al bombardamento dell'Iran e contrario alle ripetute aperture nei confronti della Corea del Nord, nonostante i nuovi test missilistici di Pyongyang. Secondo il Nyt, Trump in privato si sarebbe più volte lamentato che Bolton era «troppo desideroso di trascinare gli Stati Uniti in un'altra guerra». A far decidere al presidente Usa il licenziamento di Bolton sarebbe stato anche il cattivo rapporto tra il consigliere per la sicurezza nazionale e il segretario di Stato Mike Pompeo, uno dei fedelissimi di Trump.

Secondo la Cnn «John Bolton e il presidente Donald Trump hanno avuto un'accesa discussione ieri sera sul piano del presidente di ospitare i leader talebani a Camp David». Non è chiaro se la discussione si sia svolta di persona o al telefono. 


Bolton ha risposto al messaggio del presidente con un suo tweet in cui ha sostenuto di aver offerto le proprie dimissioni la sera prima, ma davanti alla sua proposta il presidente gli aveva detto: “Parliamone domani“. Secondo Bolton quindi si tratta di dimissioni, secondo Trump si tratta di licenziamento.

Il vice di John Bolton, Charlie Kupperman, è stato nominato consigliere per la sicurezza nazionale dell'amministrazione Washington ad interim. Lo riporta NBCNews.

Bolton è stato il terzo consigliere per la sicurezza nazionale di Trump. Ha preso il posto di HR McMaster nell’aprile del 2018. Aveva guà fama di essere un intransigente, e nell’Amministrazione di George Bush junior era stato indicato come “il più falco dei falchi” per aver spinto senza sosta a favore della guerra contro l’Iraq.

Ultimamente era apparso evidente che Donald Trump lo aveva messo da parte, tra gli altri motivi perché avrebbe voluto aprire un negoziato con l’Iran, contro il parere di Bolton, che invece sarebbe favorevole a ricorrere alle armi contro il regime dei mullah.
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 10 Settembre 2019, 18:30






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Trump licenzia il "falco" John Bolton via Twitter, il consigliere: «Mi sono dimesso io». Il disaccordo sull'Iran
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti