Argentina, Cristina Kirchner condannata a 6 anni per frode fiscale

Per la vicepresidente arriva anche l'interdizione perpetua dagli incarichi pubblici

Martedì 6 Dicembre 2022
«Appalti illeciti», Cristina Kirchner condannata a sei anni. La vicepresidente argentina: «Sentenza già scritta»
1

Come previsto, ma anche meno del previsto. Il tribunale federale n.2 di Buenos Aires ha condannato la vicepresidente della Repubblica argentina, Cristina Fernández de Kirchner, a sei anni di carcere e all'interdizione perpetua dai pubblici uffici per il reato di amministrazione fraudolenta a danno della pubblica amministrazione per la concessione di appalti nel dipartimento di Santa Cruz, fra il 2003 e il 2015, un lasso di tempo che considera anche gli illeciti commessi durante il mandato presidenziale del marito Nestor Kirchner. L'ex first lady ha subito annunciato che, comunque vadano gli appelli, a fine mandato non si ricandiderà. A fronte di quanto aveva chiesto per lei dalla Procura che ha istruito il processo - 12 anni di prigione - i giudici hanno inflitto una pena dimezzata, assolvendola dall'altro reato importante contestatole: l'associazione illecita. ​

Cristina Kirchner, l'Argentina in piazza per la vicepresidente

Dei 13 imputati della causa conosciuta come 'Vialidad', all'imprenditore Lázaro Báez sono stati comminati sei anni e l'interdizione dei pubblici uffici, mentre sette altri imputati hanno ricevuto pene che variano fra i tre anni e mezzo e i sei di carcere. Quattro sono stati assolti. Subito dopo la lettura della sentenza, le cui motivazioni si conosceranno solo a marzo 2023, la vicepresidente è intervenuta in streaming attraverso i suoi canali social per ripetere che «si è trattato di una sentenza già scritta», sulla scia di una sua precedente dichiarazione in cui aveva dichiarato: «Il tribunale che mi processa sembra piuttosto un plotone di esecuzione». Kirchner ha criticato anche la sua condanna per amministrazione fraudolenta. Un reato che, ha detto, «non può fare riferimento a un presidente, che fin dalla riforma costituzionale del 1984 non amministra né esegue le partite di bilancio». «Chi ha questa responsabilità è il capo di gabinetto, e nessun capo di gabinetto figura tra gli imputati», ha aggiunto. Si deve comunque ricordare che oltre al processo odierno, Cristina Kirchner è stata già rinviata a giudizio in altre quattro cause. In tre di esse i giudici hanno deciso il proscioglimento prima ancora dell'inizio della fase dibattimentale.

I proscioglimenti sono tuttavia stati oggetto di appello in tutti e tre i casi e si attende quindi una decisione in merito da parte di tribunali superiori. Si tratta delle cause denominate 'Dolar futurò, dove Kirchner è imputata per presunte irregolarità nella compravendita di divise; 'Memorandum con Iran', in cui è accusata di presunto insabbiamento e tradimento della patria; e di quella 'Hotesur', dove pure l'ex presidente è stata rinviata a giudizio con l'imputazione di associazione a delinquere e riciclaggio. L'unica altra causa in attesa dell'avvio della fase propriamente processuale è quella denominata 'Quaderni della corruzionè, dove Kirchner è imputata per associazione a delinquere legata alla concessione di appalti per opere pubbliche.

Ultimo aggiornamento: 8 Dicembre, 10:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci