Pensioni 2023, rivalutazioni tagliate per 3 milioni di persone e aumenti in base alle fasce

Ecco il nuovo meccanismo che prevede la piena rivalutazione solo per le pensioni di importo fino a 4 volte il minimo

Mercoledì 30 Novembre 2022
Pensioni, rivalutazioni tagliate per 3 milioni di persone dal 2023 e aumenti in base alle fasce

L'esecutivo di Meloni ha previsto la pensione anticipata flessibile” ma con un tetto sull'assegno e divieto di cumulo. C'è l'adeguamento all'inflazione ma solo per le pensioni fino a 2.100 euro: per tutti gli altri assegno ridotto rispetto alle attese con minori guadagni da oltre 400 euro annui. Il nuovo meccanismo di perequazione delle pensioni segna un ritorno alle fasce al posto dei tre scaglioni di Prodi ripristinati lo scorso anno dal governo Draghi. Di fatto, dal primo gennaio, l'adeguamento all'inflazione (che un decreto del ministro dell'economia Giorgetti ha fissato al 7,3%) sarà pieno solo per gli assegni uguali o inferiori a 4 volte il minimo (2.096 euro lordi), ma oltre quella soglia scattano tagli progressivi.

Pensioni, Giorgetti a MoltoEconomia: «Manovra coraggiosa: prende da previdenza e dà a figli»

Il meccanismo

Si tratta di un nuovo meccanismo premiante al 100%, in realtà, solo per gli assegni sotto i duemila euro. Il ragionamento alla base del nuovo metodo di rivalutazione considera prioritario alzare e rivalutare al 100% le pensioni pari o minori ai 2.000 euro, che è quattro volte l'importo minimo. Fino ai 2.000 euro di pensione dunque, l'aumento previsto è di 100 euro netti. Per chi percepisce 2.100 euro lordi al mese, per esempio invece, la rivalutazione è più bassa: c'è un taglio che peserà nel 2023 per circa 450 euro l'anno. È una perdita di potere d’acquisto per tutti gli assegni dai 2.100 euro in su. Ad esempio su 2.600 euro lordi l'aumento è di circa 34,32 euro mensili, corrispondenti a 446,17 euro l’anno.

 

Quanto aumentano le pensioni minime nel 2023?

Dal 1° gennaio 2023, il nuovo disegno di legge della manovra pensioni 2023, prevede per le mensilità da gennaio 2023 a dicembre 2024, con inclusa la tredicesima mensilità spettante, un incremento:

di 1,5 punti percentuali per l’anno 2023,
e di 2,7 punti percentuali per l’anno 2024,

sul tasso percentuale di adeguamento delle pensioni previsto dal Ministero dell’Economia e delle finanze. Ad esempio, le sole pensione minime 2022 di euro di 525,38 euro aumenteranno, non solo del 7,3%, ma del 8,8%, portando il nuovo trattamento minimo delle pensioni, dal 1° Gennaio 2023 ad euro 571 euro circa, con un aumento complessivo mensile pari a: 46 euro netti.

Ultimo aggiornamento: 1 Dicembre, 16:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci