Franceschini: «Stop allarmismi, Iva sugli hotel non cresce»

PER APPROFONDIRE: dario franceschini, governo, iva, manovra
Dario Franceschini
Tra indiscrezioni, fughe in avanti, ipotesi più o meno fantasiose e smentite sulla manovra e sugli eventuali ritocchi all' Iva, il mondo del turismo va in allarme proprio nella giornata di apertura del TTG Travel Experience, che riunisce i più importanti operatori del settore alla fiera di Rimini. Tanto da provocare una nuova e netta discesa in campo del ministro Dario Franceschini che rassicura: «L'aumento dell' Iva dal 10 al 22% per hotel e ristoranti non esiste e non esisterà». 

LEGGI ANCHE Manovra, piano per l’Iva tra sconti, rincari e bonus per le carte

Ma partiamo dal principio: la fiera è appena stata aperta e mentre i padiglioni cominciano a riempirsi di operatori e buyer, il presidente di Federalberghi Bernabò Bocca, conversando con l'ANSA dopo aver letto le nuove indiscrezioni sui giornali, non nasconde la sua preoccupazione: «Basta tasse sul turismo e sul lusso. Ci auguriamo davvero che non accada, ma se l' Iva fosse rimodulata e salisse al 22% per gli hotel di alta fascia, abbiamo già pronta una contromossa. Declasseremo tutti gli alberghi a 5 stelle per risparmiare quel famoso 10% di cui si parla. L'Italia si troverà a non avere più alberghi a 5 stelle. Non sta né in cielo né in terra accomunare i tartufi agli hotel di lusso».

«Torneremo alla situazione di anni fa: in Italia - spiega - c'erano meno di 80 hotel di lusso perché avevano l' Iva altissima, oggi sono più di 500. Continuiamo a favorire bed breakfast e affitti brevi, continuiamo a non stanare gli abusivi e tassiamo solo gli imprenditori. Abbiamo già visto cosa ha fatto il governo Monti: ha messo le tasse sulle barche e le barche sono scappate, poi hanno messo i superbolli sulle macchine...».

Gli fa eco Vittorio Messina di Assoturismo Confesercenti: «Sul turismo paghiamo già una delle imposizioni fiscali più alte d'Europa, un ulteriore incremento rischia di metterci fuori mercato, anche perché non è ipotizzabile che dell'aumento dell' Iva si facciano completamente carico le imprese, lasciando del tutto invariati i prezzi di vendita». A Rimini in rappresentanza del governo c'è il sottosegretario al Turismo del Mibac Lorenza Bonaccorsi che replica: «Non esiste assolutamente il tema aumento dell' Iva sul turismo. Ieri nell'audizione il ministro Gualtieri non ha citato assolutamente gli alberghi e il comparto turistico. E Franceschini ha già detto parole chiare».

Ma Franceschini vuole disinnescare del tutto la preoccupazione degli albergatori e ribadisce: «Non capisco perché mettere in allarme un intero settore strategico per il nostro Paese come il turismo. Lo ha già detto con chiarezza la Bonaccorsi e lo ripeto per stroncare queste voci: l'aumento dell' Iva per hotel e ristoranti non esiste e non esisterà». Meno preoccupato si era dimostrato il presidente dell'Enit Giorgio Palmucci che comunque aveva detto: «L'aumento non esiste, ce lo ha detto Franceschini. In Italia non nascerà una nuova Fiat, è il turismo che farà crescere il nostro pil. La nostra bilancia turistica nazionale deve crescere non soltanto numericamente ma in valore. Per questo il turismo altospendente deve essere favorito e non il contrario». ​

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 9 Ottobre 2019, 14:29






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Franceschini: «Stop allarmismi, Iva sugli hotel non cresce»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti