Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Orfeo e le Sirene, le sculture contese tornano in Italia: erano al Getty di Los Angeles. «Rubate a Taranto in uno scavo illegale»

L'inchiesta penale è ancora in corso per ricostruire come sono arrivate in America

Venerdì 12 Agosto 2022
Orfeo e le Sirene, il caso delle sculture contese: dal museo di Los Angeles torneranno a Roma

Dalla Puglia agli Stati Uniti e ora di nuovo in Italia. È la storia appassionante di "Orfeo e le Sirene" il gruppo di sculture in terracotta del IV secolo a.C. esposte al museo Getty di Los Angeles che ora sono state sequestrate e torneranno in Italia, a casa. Il motivo? Un'inchiesta durata anni, in collaborazione tra le autorità americane e italiane, ha dimostrato che queste preziose opere d'arte erano state trafugate illegalmente da uno scavo clandestino in Puglia, a Taranto.

Le opere d'arte sono state sequestrate in seguito a un'inchiesta penale dell'ufficio di Matthew Bogdanos, un ex colonnello dei Marines responsabile per la procura di New York del contrasto al traffico illegale di antichità. Ora il museo di Los Angeles dovrà restituirle all'Italia.

Il mistero della campana rubata a Camerata Vecchia e riapparsa in autostrada: furto sacrilego su commissione

L'inchiesta: sculture rubate in Puglia arrivate negli Usa dalla Svizzera 

Per ricostruire la storia delle sculture trafugate il detective Bogdanos ha lavorato per molti anni. L'inchiesta è arrivata al gruppo del Museo Getty «partendo dalle persone», le reti, cioè, di trafficanti di antichità che operano in Italia e che includono «i soliti nomi coinvolti in altre vicende, tra cui il tarantino Raffaele Monticelli» ha spiegato l'agente. «Il Getty ha collaborato, ma questa è un'inchiesta penale in corso», ha detto Bogdanos, secondo cui il museo, annunciando il rimpatrio delle sculture, «ha lasciato fuori metà della verità».  

«Abbiamo scoperto come il gruppo di statue è arrivato dall'Italia alla Svizzera e poi negli Stati Uniti», ha detto l'investigatore. L'indagine, condotta in collaborazione con i Carabinieri del Nucleo per la Tutela del Patrimonio Culturale, è ancora in corso: ha portato, oltre che all'Orfeo, ad altri pezzi e potrebbe condurre ad altre novità in futuro.

Saranno esposte a Roma e poi torneranno a Taranto 

Il gruppo sclutoreo in terracotta risalente al IV secolo a.C. era stato trafugato in uno scavo illegale nell'area di Taranto e poi era arrivato in america. 

Ad annunciare il "ritorno in Italia" è stat il ministro della cultura Dario Franceschini  «Grazie alla collaborazione tra il Comando Carabinieri Tutela del Patrimonio Culturale e le autorità statunitensi, il magnifico gruppo scultoreo 'Orfeo e le sirenè attualmente al Getty Museum di Los Angeles rientrerà in Italia, da dove era stato illegalmente esportato in seguito al suo ritrovamento nel corso di uno scavo clandestino nell'area tarantina.- scrive Franceschini - Nelle prossime settimane l'opera rientrerà e verrà inizialmente esposta al Museo dell'arte salvata per poi essere presto restituita al suo territorio di origine, come è ormai consuetudine. Ringrazio le donne e gli uomini del CCTPC e del nostro corpo diplomatico per l'impegno, la professionalità e la determinazione con cui hanno conseguito questo straordinario risultato, che riporta in Italia un'opera di eccezionale valore».  

Ultimo aggiornamento: 16:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci