Cane centenario, la storia del meticcio Valentino: incrociato con un lupo, va avanti a merendine

La padrona dice che ormai è diventato un fratello

Sabato 16 Aprile 2022 di Paolo Travisi
Cane centenario, la storia del meticcio Valentino: vive a Bibbona e compie 25 anni

Il prossimo 10 maggio, Valentino, un meticcio incrociato con un lupo, compirà 25 anni. Un compleanno che a La California, frazione di Bibbona, nel livornese attendono in tanti, e non solo la sua padrona, Lorella Castellano, molto conosciuta nella zona, perché da anni gestisce un'impresa agricola e vende i suoi prodotti nel banco ai lati della strada. Venticinque anni per un cane sono una vita lunghissima, ed è molto probabile che Valentino sia tra i più vecchi al mondo. Il record di longevità, invece, sembra appartenere a Bluey, nato negli anni 10 del secolo scorso, e deceduto agli inizi della Seconda guerra mondiale, nel 1939 a 29 anni e mezzo. Eppure nonostante l'eccezionalità del 25° compleanno, Lorella, ha intenzione di festeggiarlo con sobrietà, d'altronde sono i gesti piccoli che custodiscono il grande amore. «Per regalo gli preparerò il suo piatto preferito, il pollo, a cui tolgo la pelle, proprio come piace a lui. Quello è il suo regalo da sempre», dice Lorella, emozionata nel raccontare la lunga vita straordinaria del suo cane, che ha condotto un'esistenza normale, proprio come la sua proprietaria.

«Se sei contro la guerra, fammi una carezza»: il flash mob di Bobby, cane "pacifista"


LE CURIOSITÀ


Il nome è curioso. La fantasia fa pensare a Valentino, il re della moda, o magari al divo del cinema muto. E invece no. «Il nostro canuccio, parte di una cucciolata, era molto brutto e gli acquirenti svizzeri non lo presero, così decidemmo di farlo restare con noi, ma non avevamo ancora pensato al nome. Era una domenica del 1997, stavamo guardando una gara di Valentino Rossi che correva in 125 e quell'anno vinse il suo primo Motomondiale. Valentino, il nostro cucciolo, sembrava sveglio, si muoveva in continuazione, e quello ci sembrava il nome più giusto».
E se il Dottore ha girato il mondo con la sua moto, Valentino, invece, è rimasto sempre lì. «È nato quando avevo 21 anni, sua mamma stava in casa con noi da cinque ed ora che parlo con lei, ripensando a questi 25 anni mi sembrano siano passati senza accorgermene. È cresciuto con noi all'aria aperta, ha mangiato le stesse cose che noi mettevamo in tavola», spiega Lorella che vive nella casa di La California, insieme al suo compagno, ed un altro cane che Valentino custodisce con affetto. Il segreto? Dicono sia mangiare una merendina al giorno, per questo qualcuno l'ha anche ribattezzato il cane merendero. Lorella riprende: «Qualche anno fa è morta la sua mamma ed è andato in crisi. La sera entrava in casa, ma poi usciva subito fuori per cercarla, non trovandola, per non sentirsi solo, ritornava dentro. Abbiamo deciso di prendere un altro cane, per non farlo soffrire di solitudine», spiega la padrona, consapevole dell'unicità dell'età di Valentino. «Da quello che so dovrebbe essere in vita, anche un altro cane australiano, di 25/26 anni», dice.


L'ANZIANITÀ


I cani di taglia media, hanno una vita che può raggiungere i 13-14 anni, quindi l'età di Valentino è ben oltre la normalità, ed infatti gli acciacchi si fanno sentire. «Nell'ultimo anno ci vede poco e ci sente meno, non riesce più a salire le scale e prende delle pastiglie per il cuore, ma continua a camminare con noi». Dopo un tempo così lungo trascorso insieme, non è difficile pensare che i sentimenti che si provano, siano simili o gli stessi che si potrebbero provare per un essere umano. «Valentino per me è un fratello, ma anche un amico, che mi è stato vicino nei momenti bui. Ho perso mio papà, è stato con me nelle ore felici ed in quelle di tristezza. Sa quando stavo male e quando stavo bene, è un legame fortissimo», racconta Lorella, mentre una pausa di pochi secondi, tradisce l'emozione, ma poi aggiunge con un pizzico di fierezza: «Credo che le sue foto siano in giro per il mondo, perché al nostro banco vengono anche turisti, tedeschi, svizzeri, cinesi e quando lo vedono, tirano fuori il telefono e scattano le fotografie, ma anche ora che finirà sul giornale, per me resterà sempre Valentino».

Ucraina, il gatto Simba in fuga dalle bombe ha riabbracciato la famiglia in Italia

 

Ultimo aggiornamento: 25 Aprile, 12:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci