Morto il medico Luciano De Angelis, grande sportivo, poeta e scrittore

Giovedì 23 Settembre 2021 di Mila Cantagallo
Morto il medico Luciano De Angelis, grande sportivo, poeta e scrittore

«Mi auguro solo, quando arriverà il mio giorno di poter guardare in faccia serenamente la morte». Così scriveva Luciano De Angelis sul suo blog anni fa. Medico di famiglia, umanista, scrittore e sportivo, si è spento martedì scorso all’età di 88 anni nella sua abitazione assistito dalla figlia Paola, giornalista, dal genero Stefano, i nipoti Andrea, Guido e Francesco. De Angelis amava profondamente la sua professione, con i pazienti non si risparmiava neanche la sera tardi e nei weekend. Anche dopo la pensione, continuava mettere la sua esperienza a disposizione degli amici che gli chiedeva consigli. Si aggiornava continuamente sulle nuove frontiere della medicina, strizzava l’occhio all’omeopatia, era stato il primo medico di base a dotare il suo studio di un ecografo ed un elettrocardiogramma. Gli interessi di un uomo vulcanico e creativo si estendevano alla scrittura ed alle discipline sportive.

Ex pediatra di Lanciano investita e uccisa da un treno a Milano


Negli anni ’60 il professionista di origine aquilana aveva costruito gli impianti sciistici della Majelletta insieme ad alcuni soci, successivamente aveva fondato il Circolo Tennis di Pescara di cui era stato a lungo presidente. Era, nemmeno a dirlo, un tennista provetto ed uno sciatore abile sulle piste che apprezzava anche i brividi dello sci alpinismo. Il professionista nutriva una passione per l’arte, la letteratura, con lo pseudonimo di Dedalus recensiva libri ed opere. Aveva scritto molte poesie e 4 romanzi tra cui “Un anno particolare” pubblicato da Tracce nel 2001, uno struggente ricordo della guerra vista dagli occhi di un bambino di 11 anni. Nello stesso periodo aveva dedicato alla moglie Liliana, da poco scomparsa, la raccolta di poesie “Solo”. Il fisico gracile del medico si è arreso ad una serie di patologie dovute all’età. Da due le precarie condizioni di salute non gli permettevano più di aggiornare il suo blog, un composito diario di poesie, riflessioni su argomenti di attualità, citazioni, fotografie. Alla collega Paola De Angelis ed ai suoi familiari, le condoglianze della redazione del Messaggero.

© RIPRODUZIONE RISERVATA