Statua della Madonna s'illumina, la veggente è una truffatrice?

PER APPROFONDIRE: madonna, Medjugorje, Vicka Ivankovic
Statua della Madonna s'illumina, la veggente è una truffatrice?
Vicka Ivankovic, nota veggente di Medjugorje finisce nei guai. Uno scoop di "Chi" ha denunciato una potenziale truffa da parte della donna che sostiene di avere contatti con la Madonna.

Un anno fa infatti, in casa di Vicka, i pellegrini avevano assistito a un fenomeno singolare: una statua della Madonna di Lourdes aveva cominciato a illuminarsi. Un evento che si era verificato più volte, in più giorni, e sempre testimoniato dai fedeli in preghiera.

Il fenomeno fu studiato dai vaticanisti, ma dopo pochi giorni è arrivata la supposizione che la Madonna fosse stata dipinta con vernice fluorescente.



Lo scoop è stato rivelato dal settimanale ma la Chiesa è ancora cauta sulla questione. In questa fase di accertamento, comunque, è stato vietato ai fedeli di prendere parte a gruppi di preghiera con la donna.

Mercoledì 5 Novembre 2014, 14:33






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Statua della Madonna s'illumina, la veggente è una truffatrice?
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 40 commenti presenti
2014-11-10 18:41:42
steyr 95 Esattamente Steyr \" io per fratello intendo proprio fratello di sangue e non paesano\" tu pensi così...ma chi ha scritto i vangeli è responsabile solo di quello che ha scritto, non di quello che capisci... il tuo sembra il vangelo secondo Steyr. Ti potrei fare una breve lezione di storia della chiesa dei primi secoli, e anche una lettura cronologica e del perchè i vangeli sono stati scritti in tempi diversi (Marco, per esempio, scrisse il suo per primo indirizzato ai fedeli di Roma) e con riferimenti diversi, anche se ci fosse lo spazio sul gazz.....ma sono sicuro che non servirebbe a niente....e il mio tempo è prezioso.
2014-11-09 21:01:12
X Fiocchi Resta il fatto che il principale testimone dell\'esistenza di Gesù, FLAVIO GIUSEPPE, ebreo storico, contemporaneo e conterraneo di Gesù, non ne parla mai, se non in modo marginale, quando dice: \"ma quel Giacomo ( che era stato messo a morte dai romani) non è fratello di Gesù?\"- ( io per fratello intendo proprio fratello di sangue e non paesano) e poi mai ne parla dei suoi miracoli e delle immense folle che lo seguivano. Poi riguardo al termine \"cristiani\", questo era un termine in uso ancor prima di Gesù, in quanto voleva solo dire \"unto\", per via della insana usanza di alcuni adepti fatatici che si cospargevano sempre il corpo di olio d\'oliva e che erano pure invisi alla popolazione. In quanto alle presunte lettere, ne ho lette pure io, alcune scritte dai consoli romani della Palestina ed indirizzate al loro imperatore, in cui si descrivevano i cristiani come una setta di briganti, unti e luridi, che vivevano nei sotterranei e dediti solo a ruberie, espedienti ed altri reati e che seguivano un loro capo, ancor peggio di loro. Mentre le prime lettere sono sicuramene lettere autentiche, sfuggite alla censura della nascente Chiesa, le ultime sono sicuramente delle falsità e questa è pure l\'opinione di molti esperti in materia. E\' chiaro che il Gesù descritto nei Vangeli è solo una invenzione ed un artefizio da parte della nascente Chiesa. Riguardo ai fratelli di Gesù che assieme alla madre, andavano a chiamarlo nella sinogaga, mi sembra sia chiaro il termine \"fratelli\" e non \"paesani\" come intende la Chiesa e cosa mi dici poi del passo del Vangelo in cui è riportato che \"Giuseppe conobbe Maria solo dopo che ebbe partorito\"?. Ho sentito due alti Prelati della chiesa, in una intervista di Vespa, chiarire questo argomento: \"a quel tempo le ragazze restavano sempre avvolte nel velo ed allora vuol dire che solo dopo che Maria ebbe partorito Gesù, Giuseppe, suo marito, le sollevò il velo e la vide così per la prima volta in volto\". Certe favolette idiote farebbero bene ad andare a raccontarle ai bambini dell\'asilo infantile e non a degli uomini adulti, altrimenti si perde pure la faccia. Mi sembra molto chiaro che la Chiesa faccia acqua dappertutto come un colabrodo. <<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<< In quanto alla vita spirituale io ci credo fermamente, credo agli spiriti buoni ed agli spirti cattivi, che non erano altro che persone buone o cattive vissute e morte ma che anche questi ultimi cattivi sono suscettibili di miglioramento e di ravvedimento. Non credo ad un Dio creatore, non credo alla Bibbia né ai Vangeli, ma credo alla sopravvivenza dello spirito dopo la morte, ossia il pensiero, che per me è indistruttibile e pure che si abbia diverse reincarnazione nel tempo-------- E\' un pò come il Buddismo, sebbene io non sia buddista ma solo seguace della dottrina di Allan kardec.<<<<<<<<<<<<< Per ultimo devo dire che tutti noi, esseri umani viventi, siamo soggetti ad essere \"manipolati\" o \"circoscritti\" sia nel bene che nel male, da spiriti a noi vicini, sia buoni che cattivi. Ecco spiegato allora tutti i drammi che si vedono quotidianamente ma qui il Diavolo, ripeto, poco c\'entra.------------------ Molte cose che noi facciamo, sono spesso conseguenza di suggerimenti occulti, anche se noi non sentiamo nulla ma che ci spingono a comportarsi nell\'una o nell\'altra maniera.
2014-11-09 20:29:52
Fiocchi “Nei documenti *storici contemporanei o poco successivi* all’epoca di Gesù, di lui non si parla mai. In seguito solo quatto *storici* ne fanno *qualche* riferimento: Flavio Giuseppe, Plinio il Giovane, Svetonio e Tacito…..Il che …non significa che egli non sia esistito…. Significa …che per parlare di lui possiamo soltanto affidarci alle fonti interne del Nuovo Testamento: ma allora con lo stesso metro di giudizio, il Mahabharata o l’Iliade dimostrerebbero l’esistenza delle divinità indù o greche, che giustamente nessun cristiano sarebbe disposto ad accettare come reali.” Rif. Odifreddi – “Perché non possiamo essere cristiani” pagg. 87-88-89 e seguenti. Io, inoltre, penso che la mancanza di documenti storici contemporanei o poco successivi all’epoca di Gesù, contrasti con i tanti miracoli a lui attribuiti dai Vangeli, con le moltitudini osannanti a Gerusalemme e “dintorni”, con eventi straordinari avvenuti alla morte di Gesù, come quello citato da Luca 23, 44 : “..al che a mezzogiorno il sole si eclissò e si fece buio su tetta la terra fino alle tre del pomeriggio”, e da Matteo, 27,51-53 : “..il velo del tempio si squarciò in due da cima a fondo, la terra si scosse, le rocce si spezzarono, i sepolcri si aprirono e molti corpi di santi morti risuscitarono; e uscendo dai sepolcri entrarono nella città santa e apparvero a molti”, eventi ignorati completamente dalla “stampa” dell’epoca. Solo per precisione. Saluti
2014-11-09 19:43:44
Fiocchi Io accetto l’eutanasia perché, in determinate situazioni, è una cosa per me positiva, ma devo sopportare il fatto che la chiesa fa di tutto per impedirlo. Io sono costretto a tollerare il comportamento della chiesa, e per me, quindi, la chiesa è intollerante. Naturalmente se gira la frittella…, ma resta il fatto che il mio eventuale ricorso alla dolce morte è un problema “personale” che riguarda me non la chiesa, mentre il comportamento della chiesa è giustificato se riferito al fedele, del tutto arbitrario se coinvolge un non credente. Inoltre, poiché è possibile andare in Svizzera, viene a crearsi una ulteriore discriminazione tra ricchi e poveri. (Teresa di Calcutta si curava un lussuose cliniche che raggiungeva in aereo, mentre per i suoi pazienti li curava con il “dolore salvifico” (spero passi, ci sono tanti attendibili riferimenti). Io ho già spiegato come la penso. Non è nella mia indole trasgredire la legge, per principio evito di mancare di rispetto agli altri, ma non tollero che qualcuno voglia impormi i suoi principi (anche cercando di influire sulla legge dello Stato per far rendere un obbligo l’accettare quelli “indiscutibili” di una religione), specie quelli basati sulla credenza, sull’esistenza di un Dio che mi amerebbe, ma che a me non importa niente, che stabilisce regole che sono superiori alla legge degli uomini e via dicendo. Di fronte alla prevaricazione io reagisco. Poi lei può parlare di rancore, di muri, ma non di invidia. Per esempio a me i martiri (è un “martire”, si fa per dire, anche chi rinuncia o condiziona ai dettami di una religione i piaceri della vita, quelli leciti naturalmente) fanno nascere un sentimento di di tristezza, ma contenti loro, contenti tutti. Io vivo la vita che ha me piace vivere, altri possono viverla, per scelta, meglio o peggio, sono cose che non mi interessano. Gli avari sono felici di fare una vita di ristrettezze solo per accumulare una inutile ricchezza, altri si realizzano praticando un tenore di vita al di sopra delle loro possibilità, solo per “apparire”: fatti loro! La chiesa imponga o cerchi di imporre i suoi principi a propri seguaci e lasci in pace coloro che non lo sono. Magari la “gaia” scienza fosse stata libera di fare il suo lavoro nei tempi bui! Quante malattie si sarebbero potute prevenire o essere curate anche allora se certe ricerche non fossero state ritenute contrarie al volere del Signore. Io parlerei di “gai” viaggi della speranza, intrapresi, però, sempre dopo aver fatto ricorso alla “gaia” scienza …settore acciacchi del corpo. Saluti
2014-11-09 12:54:56
steyr 95 Lei ha bisogno di un po\', un po\' tanto, di qualche lezione di, non catechismo, ma proprio di storia della chiesa e qualche nozione di teologia... Le dico che almeno 4 fonti civili, come Plinio e altri parlano di Gesù. Ma anche alcune lettere di persone sconosciute e non credenti, parlano dei cristiani (si legga la lettera a Diogneto)....per non parlare della donna, una delle primissime accuse ricevute dai cristiani, si parla dei primi secoli, c\'è quella di dare troppa importanza alla donna....ma pensa un po\'. Anche io uso il termine fratello o sorella con persone con le quali non ho vincoli di parentela...fratelli in avventure, in azioni... Proprio oggi, nel vangelo, c\'è un fatto che le dovrebbe chiarire...almeno un po\' il linguaggio che viene usato...quando Gesù dice \"distruggete questo tempio ed io lo ricostruirò in tre giorni\" e viene preso in giro poichè in realtà ci sono voluti 46 anni per costruirlo...così dicevano gli scribi.... Ma poi, quando Gesù è morto ed è stato risorto, qualcun altro ha capito a cosa si riferiva Gesù... Su Hitler...beh, certamente per lei che non è credente darà altre spiegazioni...molto giusto, ma vedo con piacere che, se non al diavolo, lei pensa ad un qualcosa di trascendente....che va benissimo, lo chiama diavolo o spiriti malvagi...non cambia molto...no? Sempre del male si parla... e su questo mi trova molto concorde..