Respinta a concorso canoro perché nera: «Nessuno straniero sul palco»

PER APPROFONDIRE: quindicenne, respinta, verona
Respinta a concorso canoro perché  nera: «Nessuno straniero sul palco»
Lei ha 15 anni, è nata in Italia, frequenta il liceo Classico e – soprattutto – ama cantare, ma l'organizzatore di un concorso l'ha respinta perché: “Non accetto stranieri. Italiani si nasce, non si diventa e si nasce da genitori italiani... Io la penso così ed è riservato (il concorso) solo a italiani di fatto. Ci sono anche cinesi con cittadinanza italiana ma non sono italiani di fatto”. Accade a Verona e il concorso si chiama appunto Canta Verona.





“Avevo letto su Internet di questo evento – racconta al telefono la studentessa – e ho semplicemente chiesto informazioni. Quell'organizzatore deve essere andato a vedere il mio profilo Facebook, che ha la mia foto, ed ecco che se ne uscito con quelle affermazioni. Non volevo crederci: io sono nata in Italia e così mio fratello e le mie due sorelle. I nostri genitori sono arrivati qui 30 anni fa, si sono inseriti e ci hanno garantito una vita serena. Quello che non sopporto, in quelle risposte, è che vengono fatte differenze fra me e altri italiani. Differenze che non esistono e che non devono essere create”.

LEGGI ANCHE Zaia dice no alle polemiche: «Fatela cantare e sia finita qui»

La quindicenne ama alla follia il pop e il rithm'n blues, adora Beyoncé, canta nel coro gospel della parrocchia e si è già esibita in concorsi scolastici recitando anche in piece teatrali allestite sempre dal liceo (“Una cosa bella: sul palcoscenico abbiamo affrontato il tema dei migranti”).

LEGGI ANCHE Il sindaco di Verona: «Solidarietà»

Quel “no” dell'organizzatore di Canta Verona ha fatto presto il giro del web. L'organizzatore si è pure scusato, ha scritto sul web “di aver espresso solo una sua idea”, ma non ha fatto che inasprire la situazione anche perché si è offerto di ospitare la ragazza in altre manifestazioni e a pagamento.

“Ma a me – replica la studentessa - che cosa importa dei soldi? E' la discriminazione che non sopporto. Con i miei familiari stiamo decidendo quale azione avviare nei confronti di quel tale che con le sue parole ha cancellato i diritti di ogni cittadino. Ho ricevuto tantissime dimostrazione di stima e di solidarietà e mi hanno inviato i link di altri concorsi per invitarmi a partecipare. E nessuna offesa. State certi che continuerò a cantare”.

L'ASSESSORE DI CROTONE: «VIENI A CANTARE DA NOI»
«Se una ragazza di quindici anni ha un sogno perché impedirle di realizzarlo? Allora se ti va, vieni a cantare nella nostra città». È l'invito che l'assessore allo Spettacolo di Crotone Giuseppe Frisenda rivolge alla giovane di origine ghanese che vive a Verona che ha denunciato pubblicamente di non essere stata ammessa ad una manifestazione musicale nella sua città per il colore della pelle. «Non entro nel merito della scelta dell'organizzatore della manifestazione e delle sue giustificazioni. Non mi interessano - prosegue l'assessore - Quello che invece credo dovrebbe riguardare tutti è fare in modo che la musica, che è un linguaggio universale, debba essere elemento di unione e non di divisione e che sia giusto che chi abbia un sogno da realizzare, soprattutto se è un giovane, possa avere la possibilità di farlo senza nessun tipo di barriera, soprattutto di natura ideologica».

«Ecco perché quando ho letto di questa storia il primo impulso è stato quello di pensare ad invitare questa giovane ragazza, la cui passione per la musica non è certo dissimile da migliaia di suoi coetanei ed è giusto offrirle una occasione», continua l'assessore Frisenda. «Del resto proprio questa estate ci stiamo caratterizzando per la valorizzazione di giovani ai quali stiamo offrendo la possibilità di esprimere il proprio talento - conclude - Se ne avrà voglia, Crotone è pronta ad ospitarla per un evento che vorrà semplicemente essere un omaggio alla musica ed alla passione dei giovani che va sempre assecondata».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 15 Agosto 2017, 21:49






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Respinta a concorso canoro perché nera: «Nessuno straniero sul palco»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 118 commenti presenti
2017-08-17 19:37:06
... gli italiani in america sono ancora italiani e sempre lo saranno . sono alcuni italiani ideologicamente schierati in italia a non esserlo.. una quercia tale rimane seppur in un bosco di faggi.. e questo sinchè la foresta vivrà. dalle sue ghiande nasceranno querce ed i faggi staranno a guardare..
2017-08-17 21:48:19
Pero' vorreste che gli stranieri in Italia da faggi divengano querce ... bella coerenza
2017-08-17 18:08:15
Per essere italiani nessun problema, il problema è di essere Veneti doc.
2017-08-17 16:54:02
stii tranquilla che tra qualche giorno arriverà la presidentA e farà una legge che sarà vietato anche pensare in maniera diforme, che gli italgioti dovranno comandare e gli indigeni obbedire!!! manca poco oramai!!!
2017-08-17 18:05:15
Stii? E' tornato in vita il buon Fantozzi?