Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ultimo, il tour negli stadi parte da Bibione: le immagini dell'evento

Lunedì 6 Giugno 2022
Video

Due anni di rinvii, di attese, di sogni sospesi. Un ballo delle incertezze, come lui stesso cantava nel brano che gli diede la vittoria a Sanremo Giovani nel 2018, durato troppo a lungo. Ora finalmente Ultimo può riprendere da dove ha lasciato, da quel tour negli stadi - più giovane artista italiano di sempre - annunciato, posticipato una prima volta e poi una seconda per il covid, in forse fino a pochi mesi fa: ora ha preso forma e vita. Le luci si sono accese sul palco di Bibione, prima delle 15 date previste (con 10 sold out e 550mila biglietti venduti finora - e una parte dei ricavati devoluti all'Unicef). «A belli, come state? Dopo quanto tempo… un sogno che aspettavo da tre anni, che bellezza. Mi voglio godere il momento».

Totò e il museo mai realizzato, il sogno mancato di Liliana. Enzo De Caro: «Grave per Napoli»

Occhiali scuri, pantaloni rossi e canotta nera con la scritta Ultimo, il nome d'arte che Niccolò Moriconi ha scelto fin dall'inizio della sua carriera per dare voce a chi non ce l'ha, e un bicchiere di vino rosso a metà live, il giovane cantautore romano, tra tanta emozione e altrettanta gioia, si è ripreso quello che gli era stato tolto in un concerto di due ore, per una trentina di brani, pescati tra i suoi quattro album pubblicati. Niente è lasciato al caso, il palco alto più di 30 metri e largo più di 60, una grande U - quella di Ultimo - che lo sovrasta e si specchia nello spazio della platea a fare da passarella tra il pubblico, punti laser che creano scenografie tridimensionali, geyser, fiamme, luci ed effetti speciali. Il via lo ha dato Buongiorno Vita, seguita da Dove il mare finisce. Non sono mancati Il ballo delle incertezze, Piccola Stella. C'è spazio anche per un medley acustico, durante il quale accenna Non sapere mai dove si va, Supereroi, Il bambino che contava le stelle, Quella casa che avevamo in mente, L'unica forza che ho, Stasera, Peter Pan. Nella seconda parte, Ultimo canta le sue canzoni più amate Colpa delle favole, il brano manifesto Fateme cantà, I tuoi particolari, Pianeti. E poi si ritaglia anche un momento per parlare.

 

«Non lo faccio tanto, sono schivo di natura. Ma una cosa volevo dirvela: nella vita non è importante arrivare a qualcosa, ma trovare la propria passione. Trovatela. La mia è stata il pianoforte nella mia cameretta: ora guardate che bella che è diventata 'sta cameretta!». Per il bis ha scelto di mettersi al pianoforte per Sogni Appesi, mentre alle sue spalle scorrevano le immagini della sua storia, da quando era bambino fino al concerto all'Olimpico. I suoi però, di sogni tra coriandoli e stelle filanti, stasera si sono realizzati.

Ultimo aggiornamento: 14:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci