Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Elezioni politiche, ecco il manifesto dei sindaci Pd: «Candidare De Rebotti, unica possibilità di vincere»

Venerdì 5 Agosto 2022 di V. Ug
Elezioni politiche, ecco il manifesto dei sindaci Pd: «Candidare De Rebotti, unica possibilità di vincere»

I sindaci del Pd scendono in campo con un manifesto, un nome e indicano una direzione per le prossime elezioni. Per loro la possibilità di vincere e andare oltre ai sondaggi (che vedono al primo posto il centrodestra) c'è se si imbocca una strada diversa: «Anche in Umbria abbiamo il dovere di dare segnali forti e chiari di discontinuità e cambiamento, ripartendo davvero dai territori e dai loro amministratori; da chi ha saputo conquistarsi la fiducia dei cittadini con il voto e non grazie a listini bloccati o amicizie più o meno influenti».

E parlano in maniera chiara: «Il Pd candidi alle prossime elezioni politiche l'ex sindaco di Narni Francesco De Rebotti». «La politica ha bisogno di tornare in mezzo alle persone, i sindaci sono stati in grado di rispondere alle istanze della gente - sostiene Damiano Bernardini, che indossa la fascia tricolore a Baschi - Soprattutto sono stati l'argine alle difficoltà di questi tempi, anche quando il partito era commissariato e i vertici risultavano impalpabili. Oggi siamo ripartiti con grande impegno. Abbiamo bisogno di persone che possano avere consenso anche per la loro credibilità personale e che sappiano raccogliere voti perchè sono stati esempi di buon governo».

Per Bernardini la carta da giocare sul territorio è, dunque, il nome di De Rebotti. E lo è anche per Fabio Di Gioia, sindaco di Arrone: «Sono stato uno dei sostenitori del documento in cui si chiede di seguire le indicazioni del segretario Enrico Letta: candidare i sindaci. Bisogna ripartire dai territori e Francesco De Rebotti è il miglior contributo che l'Umbria del Sud possa dare alla comunità democratica regionale».
Federico Gori, primo cittadino di Montecchio, ricorda che lui non ha incarichi nel partito - sono un povero sindaco di campagna, sottolinea ironico, ma non ha dubbi sulla candidatura dell'ex primo cittadino di Narni: «Abbiamo fatto un percorso adeguato, una riflessione articolata, credo che sul nome di De Rebotti non ci possano essere dubbi. Per quanto mi riguarda io non ne ho, sia per la conoscenza personale sia per l'affetto che ci lega, sia per le sue competenze». E le frizioni che ci sono state con il segretario Bori al momento delle elezioni per la segreteria del partito? «Ritengo che siano superate», specifica Gori. Lorenzo Lucarelli, neo sindaco di Narni, su questo tema gioca in casa: «Penso che il nostro partito abbia bisogno di candidare figure autorevoli. Diversi amministratori lo sono ma Francesco ha maturato una notevole esperienza e credibilità personale. E' una figura trasversale. Ci sono le condizioni, il partito deve avere la forza di questo cambiamento».
Per ora De Rebotti tace. Ha superato l'esame per fare l'insegnante di sostegno a scuola ma chissà se la chiamata dei colleghi gli farà cambiare idea.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimo aggiornamento: 7 Agosto, 08:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA