L'ex vice campione del mondo Coulthard promuove Giovinazzi: «È forte e merita di rimanere in F1»

Giovedì 21 Ottobre 2021 di Massimo Costa
Nella foto, Antonio Giovinazzi

David Coulthard, ex pilota di F1 con Williams, McLaren, Red Bull, vice campione del mondo nel 2001, 246 GP disputati, 13 vittorie, 12 pole positions, attualmente instancabile ambasciatore Red Bull nonché commentatore televisivo, ha voluto spendere parole molto belle per Antonio Giovinazzi. Il pilota italiano è ancora incerto sul suo futuro, una situazione a dir poco imbarazzante per lui. Siamo a fine ottobre e ancora il team Alfa Romeo diretto da Frederic Vasseur non ha preso una decisione. Giovinazzi si gioca l'unico sedile rimasto incerto in F1 con il cinese di F2 Guan Yu Zhou, ma gli scenari potrebbero cambiare radicalmente se la Sauber Alfa Romeo dovesse essere rilevata da Michael Andretti, ex pilota e proprietario da anni di una propria squadra nella americana Indycar.

Coulthard ha esaminato alla perfezione la situazione di Giovinazzi, in un certo senso ingabbiato dal rapporto con la Ferrari che non gli ha permesso di guardare altrove, Ferrari che aveva tenuto il pilota pugliese fermo per ben due stagioni: "Antonio ha talento, è veloce, intelligente, di bella presenza, il ché non fa mai male con gli sponsor. Per lui sarà sempre dura trovare opportunità finché rimane con l'Alfa Romeo, che è praticamente vincolata alla Ferrari. Il team di Maranello ha già due piloti molto giovani quindi per lui il prossimo passo non sarà verso la Ferrari. Questo fatto gli limita la possibilità di firmare per altre squadre, quindi spero possa rimanere in Alfa Romeo e mostrare il suo talento al fianco di Bottas. Credo sia la sua soluzione migliore.

Lo scozzese ha proseguito nella sua analisi: "Kimi Raikkonen è un pilota velocissimo, magari gli addetti ai lavori non riconoscono a Giovinazzi di essere in media sempre davanti al finlandese, mi sembra che quest'anno nelle qualifiche sia sempre stato davanti a lui per un paio di decimi, una cosa che, per esempio, a me è riuscita di rado quando ero compagno di Kimi in McLaren. Poi, certo, il tempo passa, ma spero che Antonio possa continuare all'Alfa Romeo e poi vediamo cosa gli riserverà il futuro".

Ultimo aggiornamento: 23 Ottobre, 17:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA