Bottas apre il weekend monzese del GP d'Italia, Leclerc 11°, Vettel penultimo

Venerdì 4 Settembre 2020 di Massimo Costa
Nella foto, Valtteri Bottas
La F1 arriva in Italia, come da tradizione sul circuito di Monza nei primi giorni del mese di settembre e Valtteri Bottas dimostra di essere uno che non molla mai. Avvilito per non riuscire più a tenere il passo del compagno di squadra Lewis Hamilton, il finlandese della Mercedes rilancia la sfida in qualifica dove detiene due pole, la prima del 2020 in Austria e nel GP del 70° Anniversario. Bottas nel primo turno libero ha conquistato la prima posizione in 1'20"703 precedendo Hamilton con 1'20"948.

In casa Mercedes non c'è tensione per la regola FIA inserita a campionato in corso che elimina il cosiddetto "party mode", sistema che in qualifica permetteva di trovare qualche cavallo motore in più. Una manovra decisamente anti sportiva in quanto penalizza chi ha lavorato meglio sulle proprie power unit. Hamilton, con una certa ironia, ha sbeffeggiato la Red Bull, in particolare Helmut Marko, rei di avere istigato la FIA a intervenire per bloccare il "party mode", tesi che contravviene quanto sostenuto dalla stessa Federazione, la quale affermava di avere agito per la difficoltà nel controllare la regolarità delle varie power unit. Vedremo se in qualifica qualcosa cambierà, e se avverrà, sarà per una sorta di artificio.

Tornando alla sessione libera, terzo posto per Alexander Albon con la Red Bull-Honda, a 8 decimi da Bottas. Max Verstappen ha concluso quinto dopo un testacoda e successivo urto contro le barriere alla variante Ascari. L'olandese ha poi raggiunto i box col muso della sua RB16 danneggiato. La sorpresa della mattina è arrivata dall'Alpha Tauri-Honda che ha piazzato Daniil Kvyat quarto e Pierre Gasly (testacoda alla Roggia) in sesta posizione, tra l'altro entrambi con gomme medie. Settima prestazione per Sergio Perez con la Racing Point-Mercedes.

A proposito del team di Lawrence Stroll, il famoso caso della RP20 simile alla Mercedes W10 del 2019, la polemica e i reclami per il brake ducts e quant'altro, si sono via via affievolite in seguito al ritiro degli appelli da parte di McLaren, Williams e Renault. Rimane solitaria la Ferrari ad agitare lo spauracchio dell'appello, ma non si capisce bene, anche a livello politico, quel che fa. La McLaren-Renault è in top 10 con Lando Norris (ottavo) e Carlos Sainz (decimo). Tra di loro la Renault di Daniel Ricciardo, atteso a una prova da protagonista.

La Ferrari è undicesima con Charles Leclerc e penultima con Sebastian Vettel, autore di vari errori. Lance Stroll ha segnato il tempo (unico a farlo) con gomme hard ed è tredicesimo davanti alle due Haas-Ferrari. Poi, le due Alfa Romeo-Ferrari con Antonio Giovinazzi (che utilizza un bel casco inedito nei colori in cui esalta il prodotto Italia) davanti a Kimi Raikkonen. Bene Roy Nissany che ha guidato la Williams-Mercedes di George Russell ed è stato più veloce (con gomme medie) di Nicholas Latifi (con gomme soft).

Venerdì 4 settembre 2020, libere 1

1 - Valtteri Bottas (Mercedes) - 1'20"703 - 28 giri
2 - Lewis Hamilton (Mercedes) - 1'20"948 - 27
3 - Alexander Albon (Red Bull-Honda) - 1'21"500 - 30
4 - Daniil Kvyat (Alpha Tauri-Honda) - 1'21"555 - 31
5 - Max Verstappen (Red Bull-Honda) - 1'21"641 - 22
6 - Pierre Gasly (Alpha Tauri-Honda) - 1'21"667 - 27
7 - Sergio Perez (Racing Point-Mercedes) - 1'21"747 - 25
8 - Lando Norris (McLaren-Renault) - 1'21"747 - 29
9 - Daniel Ricciardo (Renault) - 1'21"789 - 22
10 - Carlos Sainz (McLaren-Renault) - 1'21"821 - 27
11 - Charles Leclerc (Ferrari) - 1'21"904 - 25
12 - Esteban Ocon (Renault) - 1'21"984 - 28
13 - Lance Stroll (Racing Point-Mercedes) - 1'22"131 - 21
14 - Romain Grosjean (Haas-Ferrari) - 1'22"409 - 20
15 - Kevin Magnussen (Haas-Ferrari) - 1'22"422 - 19
16 - Antonio Giovinazzi (Alfa Romeo-Ferrari) - 1'22"552 - 24
17 - Kimi Raikkonen (Alfa Romeo-Ferrari) - 1'22"619 - 27
18 - Roy Nissany (Williams-Mercedes) - 1'22"826 - 25
19 - Sebastian Vettel (Ferrari) - 1'22"988 - 24
20 - Nicholas Latifi (Williams-Mercedes) - 1'23"120 - 22 Ultimo aggiornamento: 21:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA