Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

La Roma si arrende alla Juve: 1-0 a Vinovo con rosso a Giugliano. Stop dopo 18 risultati utili

Un gol di Cernoia al 58' interrompe la striscia positiva. Sei occasioni da rete nitide per la squadra di Spugna

Venerdì 16 Settembre 2022 di Giuseppe Mustica
La Roma si arrende alla Juve: 1-0 a Vinovo con rosso a Giugliano. Stop dopo 18 risultati utili

Si ferma a 18 la striscia di risultati utili consecutivi della Roma. A Vivono vince 1-0 la Juventus di Montemurro: decide la rete di Cernoia al 58'. Un tiro-cross che fulmina Ceasar e che poi si è rivelato decisivo. Peccato per le giallorosse che avrebbero certamente meritato di più soprattutto per il primo tempo disputato: sei occasioni da rete nitide per la squadra di Spugna, una clamorosa capitata sui piedi di Giacinti che davanti a Peyrau-Magnin ci ha messo un'eternità per calciare in porta permettendo a Rosucci di rimontare. Peccato sì, ma solo per il risultato, perché la squadra giallorossa, in ogni caso, ha dato una dimostrazione importante contro quella squadra che da cinque anni di fila vince lo scudetto. Per il tricolore ci sono anche le giallorosse. 

Rosso a Giugliano

Nonostante l'inferiorità numerica dal minuto 65 - doppia ammonizione per Manuela Giugliano, fiscalissima - la Roma ha cercato il pareggio in tutti i modi e non ha rischiato nulla dalle parti della propria area di rigore. Ci ha creduto anche Spugna che vedendo la sua squadra non uscire mentalmente dalla partita, ha mandato in campo sia Lazaro che Roman Haug per cercare di dare vivacità al reparto avanzato e cercando di sfruttare il feeling che l'attaccante spagnola ha con Vinono (a segno nelle ultime due uscite). Ci è mancato poco, nel recupero, che Lazaro non riuscisse nell'eurogol con una rovesciata che alla fine s'è rivelata troppo debole e quindi facile preda del portiere francese della Juve. Che, qualche istante prima, s'è rivelata decisiva nella botta da fuori di Wenninger. Come detto la Roma ha creato tantissimo soprattutto nella prima parte di gara. Una squadra corta e forte tecnicamente che ha confermato tutto quello di buono che s'è visto contro il Milan. Nonostante la sconfitta rimangono delle buone sensazioni anche per il prossimo impegno, quello in trasferta in Champions League contro lo Slavia Praga della prossima settimana. In Repubblica Ceca le giallorosse però dovranno essere ciniche, assatanate sotto porta, ritrovando quella cattiveria che è mancata oggi. 


© RIPRODUZIONE RISERVATA