Allenatore alleato di salute, la Federcanottaggio in campo per la prevenzione del cancro

Giovedì 6 Febbraio 2020
In Italia oltre il 30% dei bambini è in sovrappeso o addirittura obeso, un adolescente su dieci fuma regolarmente e il 20% invece eccede nel consumo di alcol. Sono tutti fattori di rischio che aumentano esponenzialmente il rischio di tante gravi malattie, tra cui i tumori. Per favorirne la prevenzione oggi è stato firmato un protocollo d’intesa (biennale) tra la Fondazione “Insieme contro il Cancro” e la Federazione Italiana Canottaggio (FIC). Viene così esteso agli oltre 30mila iscritti ad una delle più antiche e prestigiose Federazioni sportive del nostro Paese il progetto Allenatore Alleato di Salute. E’ la prima campagna al mondo che vuole insegnare ai coach sportivi come educare i giovani atleti a stili di vita sani. E’ promossa da Insieme contro il Cancro e gode del sostegno del Ministero della Salute e del Comitato Olimpico Nazionale Italiano (CONI). Ambasciatore del progetto è il tecnico di calcio pluricampione d’Italia con Milan e Juventus Massimiliano Allegri.
«E’ un grande onore aver coinvolto gli amici del canottaggio - afferma il professor Francesco Cognetti, presidente di Insieme contro il Cancro -. Il 40% delle neoplasie è evitabile adottando stili di vita sani che però devono essere seguiti fin da bambini. I giovani del nostro Paese hanno bisogno di una corretta e qualificata educazione alla salute. Da qui la necessità di trovare nuovi potenziali educatori». Secondo un sondaggio il 36% degli under 19 del nostro Paese chiede al proprio coach consigli sul benessere e quindi si rende necessario avviare delle iniziative formative per istruire gli allenatori a questa mansione. «La firma del protocollo rappresenta il punto di partenza per realizzare un progetto ad ampio raggio rivolto a tutti i cittadini - sottolinea Giuseppe Abbagnale, Presidente FIC -. Nell’anno delle Olimpiadi vogliamo valorizzare temi fondamentali come l’importanza dell’attività motoria. Per questo avvieremo corsi specifici e distribuiremo materiale informativo coinvolgendo tutti gli allenatori di affiliati alla nostra Federazione».
«Il canottaggio è uno sport nel quale risultano fondamentali l’intesa tra compagni e il gioco di squadra - aggiunge Giovanni Malagò, Presidente Nazionale del CONI -. E’ questo lo spirito di Allenatore Alleato di Salute, una campagna dove i coach vengono inseriti nel team di educatori dei nostri ragazzi. Il loro ruolo viene così ulteriormente valorizzato e diviene ancora più fondamentale per la crescita sportiva e umana dei giovani. Siamo lieti che la FIC abbia deciso di aderire ad una campagna che ha già ottenuto risultati importanti e auspichiamo che al più presto altre Federazioni siano coinvolte». «Incentivare la prevenzione delle patologie più diffuse, come le neoplasie, deve essere un imperativo delle istituzioni sanitarie - sostiene Pierpaolo Sileri, Viceministro della Salute -. Si tratta di un investimento indispensabile per l’intero sistema sanitario nazionale che non può essere più rinviato. Ben vengano quindi le nuove alleanze tra il mondo dello sport e quello della medicina per l’avvio di campagne di sensibilizzazione su un tema, la tutela della salute, ancora trascurato».

Allenatore Alleato di Salute è nato nel 2016 e ha visto una serie d’iniziative formative con il coinvolgimento della Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC), dell’Associazione Italiana Allenatori di Calcio (AIAC) e la Federazione Italiana Pallacanestro (FIP). Il progetto è stato presentato al Parlamento Europeo di Bruxelles e ha visto un successivo accordo di collaborazione con l’AEFCA (Alliance of European Football Coaches’Association). «Tra i comportamenti scorretti che vogliamo contrastare c’è anche la sedentarietà - conclude il prof. Cognetti -. Solo nel nostro Paese più del 21% dei teenager e bambini non pratica alcuna attività sportiva. L’inattività determina fino al 20% dei casi di cancro pari a più di 74mila nuove diagnosi l’anno. Una revisione di nove studi ha dimostrato, per la prima volta, che l’esercizio fisico, nelle dosi raccomandate dall’OMS, è associato a un rischio inferiore e statisticamente significativo di sviluppare 7 dei 15 tipi di cancro studiati, con una riduzione che aumenta con il crescere dell’attività: il tumore al colon (rischio minore dell’8%-14% negli uomini), al seno (rischio minore del 6%-10%), all’endometrio (rischio minore del 10%-18%), al rene (rischio minore dell’11%-17%), il mieloma (rischio minore del 14%-19%), il tumore al fegato (rischio minore del 18%-27%) e il linfoma non-Hodgkin (rischio minore dell’11%-18% nelle donne). Lo sport esercita effetti preventivi e terapeutici e può essere paragonato a un farmaco che, opportunamente somministrato, previene gravi malattie come i tumori e ne impedisce lo sviluppo, garantendo considerevoli vantaggi sia ai cittadini che al sistema sanitario».
© RIPRODUZIONE RISERVATA