Donnarumma ufficiale al Psg fino al 2026. «Qui per vincere il più possibile e dare gioia ai tifosi»

Mercoledì 14 Luglio 2021
Donnarumma, il nuovo portiere del Psg sbarca a Parigi. «Voglio vincere il più possibile»

È sbarcato a Parigi il numero uno della nazionale azzurra Gigi Donnarumma, che durante Euro 2020 aveva trovato tramite il suo entourage l'accordo per iniziare un nuovo capitolo sportivo della sua vita con il Psg di Mauricio Pochettino. Non era iniziata bene l'estate dell'ex portiere rossonero, che in vista degli europei era arrivato caricato dalle tensioni mosse dalla rottura con la squadra che lo ha lanciato nel mondo dei grandi, con la quale non era riuscito a trovare un accordo sullo stipendio da percepire nelle prossime stagioni. 

La firma col Psg

La rottura con il club meneghino, però, non ha privato il ragazzone di Castellammare di Stabia della possibilità di provare nuove gioie ed accogliere nuove sfide. Prima la vittoria all'Europeo, che ha decorato con le sue due parate decisive sui rigori di Sancho e Saka, poi la nomina di Mvp del torneo, raccogliendo il titolo direttamente dalle mani di un altro numero uno, quello della Uefa Alexander Ceferin. E infine, la chiusura della telenovela del suo futuro nel calcio dei club, con la firma sul contratto offertogli da Nasser Al-Khelaïfi, altro numero uno ma del Paris Saint Germain, arrivata ufficialmente in giornata ma oramai attesa da tanto tempo.

 

«Sono felice di far parte di questo grande club. Mi sento pronto per affrontare questa nuova sfida e continuare a crescere qui. Con il Paris voglio vincere il più possibile e portare gioia ai tifosi», le prime parole di Donnarumma dopo lo sbarco in terra francese. A cui hanno fatto eco quelle di Al-Khelaïfi: «Siamo lieti di dare il benvenuto a Gianluigi Donnarumma al Paris Saint-Germain. Ci congratuliamo con lui per il suo successo a Euro 2020 e per aver vinto come miglior Giocatore del Torneo. So che Gianluigi riceverà un caloroso benvenuto parigino da parte di tutto il club, compresi i suoi compagni di squadra, il nostro staff e tutti i tifosi». 

Una storia iniziata male ma conclusasi col lieto fine, ma non per tutti. Intervenuto alla presentazione del calendario della prossima Serie A ha infatto dedicato due parole alla vicenda Paolo Maldini, ora direttore tecnico del club in cui ha militato lungo tutta la carriera: «È una perdita importante per noi. Abbiamo acquistato un grandissimo portiere, ma il fatto che questa storia si interrompa fa sicuramente male». Del resto, anche i più grandi matrimoni possono avere un triste finale. In questo caso molto triste.

Milan pazzo di Vlasic, ma il Cska non fa sconti. Donnarumma è a Parigi

Ultimo aggiornamento: 20:28
© RIPRODUZIONE RISERVATA