Figc e leghe chiedono la cassa integrazione per i calciatori di serie B e C

Giovedì 26 Marzo 2020
1
Primo cercare aiuti per evitare il default del sistema, poi affrontare le altre questioni. La Figc tenta di tenere la barra dritta nella tempesta del coronavirus, affrontando con un possibile ordine tante problematiche bollenti, da nodi annosi venuti al pettine con la crisi ad emergenze inattese. Per questo la riunione convocata oggi in videoconferenza da Gabriele Gravina con tutte le Leghe e le componenti si è incentrata su definire un pacchetto di richieste da presentare al governo, con le misure ritenute più impellenti. Altre riunioni, a breve, saranno convocate per parlare di estensione del campionato oltre il 30 giugno - lo stesso Gravina lo ritiene un obiettivo prioritario - e di rinegoziazione degli ingaggi. Il pacchetto predisposto, in particolare, prevede dj estendere la cassa integrazione e la solidarietà anche ai calciatori della serie B e C e ai dipendenti non sportivi con contratti sotto i 50 mila euro.

Le altre misure ritenute più impellenti prevedono il riconoscimento dello stato di crisi, la proroga delle concessioni degli impianti con la sospensione dei canoni, il differimento delle scadenze fiscali e contributive. In una seconda tranche, si studia un «Fondo Salva Calcio», per il quale la Figc destinerà risorse destinate alla ripartenza dei club in crisi di liquidità e che vedrà coinvolti altri protagonisti del mondo del calcio. Il Fondo servirebbe come sostentamento concreto per finanziare la tenuta in sicurezza e la ripartenza delle società in crisi di liquidità. Gravina ha sostenuto la necessità di tornare a confrontarsi a breve su altri argomenti caldi: il riallineamento della scadenza degli adempimenti Covisoc, l'adeguamento degli adempimenti per le licenze nazionali e la rinegoziazione a termine dei contratti sportivi e amministrativi di primo livello.

Prima della riunione, il n.1 del calcio italiano aveva espresso la opinione su un altra questione delicata, relativa alla prossima stagione se il campionato attuale dovesse definitivamente saltare e ci fosse uno stop alle retrocessioni: «Una serie A a 22 squadre sarebbe ingestibile - afferma - Di ipotesi ne sono state fatte tantissime ma la stella polare sono le nostre norme e non è facile modificare il format dei campionati. Inoltre, con un Europeo spostato al 2021 bisognerebbe chiudere tutto entro maggio. Mi chiedo come sia possibile». Serie A a parte, Gravina è preoccupato «per tutto il calcio, specie per il mondo dilettantistico, un settore che rischia di perdere oltre tremila società: un vero disastro». La Fifa intanto si sta muovendo e il presidente, Gianni Infantino, ha cominciato a parlare con l'Eca e l'associazione mondiale calciatori FIFPro per individuare soluzioni condivise sia sul tema della riduzione degli ingaggi, sia su quella della scadenza di contratti al 30 giugno, perchè l'idea è di fare un tentativo per concludere comunque la stagione, giocando almeno anche a luglio, dando priorità alle competizioni nazionali.
Ultimo aggiornamento: 22:08
© RIPRODUZIONE RISERVATA