Donne, cancro e malattie rare, ecco le tecniche per diventare mamme

Lunedì 27 Aprile 2020
La maternità non è più preclusa alle donne affette da una neoplasia o da malattie rare. I progressi fatti dalla ricerca scientifica nel campo della procreazione medicalmente assistita (PMA) consentono di assicurare anche a queste pazienti la possibilità di portare avanti una gravidanza senza correre rischi per la propria salute e quella del feto. Complessivamente in Italia ogni giorno circa 1.000 persone ricevono una diagnosi di tumore maligno. In particolare, sono circa 5.000 le donne under 40 colpite ogni anno da tumore con un tasso di sopravvivenza a cinque anni stimato intorno al 65% con picchi che arrivano all'85% quando si tratta di linfomi e cancro alla mammella.

Tumore al seno, scoperta una molecola “complice”: è in eccesso in chi si ammala

Dice Daniela Galliano, direttrice del Centro IVI di Roma:
«Le cure per combattere il tumore mettono a rischio la fertilità delle pazienti che, nella maggior parte dei casi, dopo aver sconfitto la malattia perdono la possibilità di diventare madri. Per questo, è importante far sapere loro che la fertilità può essere preservata grazie alle nuove tecnologie sviluppate nella PMA». E aggiunge: «L'informazione è essenziale nel rapporto con le pazienti. Nel caso di terapie oncologiche, dato che il tempo per preservare la fertilità è limitato, è opportuno informarle quanto prima circa le possibilità offerte dalla PMA».

A causa del Covid non può stare con la moglie malata di cancro, il suo gesto d'amore commuove
© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci