Tumore al seno, scoperta una molecola “complice”: è in eccesso in chi si ammala

Venerdì 13 Marzo 2020
Cancro al seno, scoperta una molecola “complice”: è in eccesso in chi si ammala

Alte concentrazioni della molecola 'IGF-1' - un fattore di crescita - rappresentano una probabile causa di tumore al seno. Lo rivela una vasta indagine pubblicata sugli Annals of Oncology e condotta coinvolgendo diverse centinaia di migliaia di donne in Gran Bretagna. Lo studio è stato condotto da esperti della International Agency for Research on Cancer (IARC), a Lione e dalla University of Oxford. IGF-1 è stato già sospettato come una molecola in grado di favorire la crescita di cellule tumorali; ma finora non era mai stato accertato un suo ruolo diretto nel causare un tumore.

Tumore del rene, l'ecografia aiuta la prevenzione

Nella prima parte del lavoro gli epidemiologi hanno misurato le concentrazioni della molecola nel sangue di 206.263 donne, il cui stato di salute è stato monitorato per sette anni. Nel corso del periodo ci sono stati 4360 casi di tumore del seno. E' emerso che si ammalava con maggiore probabilità chi aveva maggiori concentrazioni di IGF-1, infatti si ammalano di tumore 26 donne su 1000 tra quelle con alti livelli ematici della molecola, contro 20 su 1000 donne con bassi livelli della molecola. Nella seconda parte dello studio gli esperti hanno studiato il Dna delle donne alla ricerca di geni che alterano le quantità della molecola nel sangue.

È emerso che le donne geneticamente predisposte ad avere maggiori concentrazioni di IGF-1 nel sangue erano anche più a rischio di cancro del seno. «Questi risultati - conclude un autore Neil Murphy - suggeriscono che IGF-1 abbia un probabile ruolo nel causare la malattia». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci