Cura al plasma per il Covid, Perotti (immunologo): «In Usa è una realtà, in Italia molto a rilento»

Lunedì 12 Ottobre 2020
Cura al plasma per il Covid, Perotti (immunologo): «In Usa è una realtà, in Italia molto a rilento»

Se in Usa la terapia al plasma contro il Covid è una realtà comclamata, in Italia la cura sta andando molto a rilento. «Mentre la comunità scientifica italiana si divideva fra favorevoli e contrari, gli Stati Uniti hanno preso la nostra terapia e la stanno utilizzando su tutto il territorio nazionale»: Lo dice alla Verità Cesare Perotti, riferendosi alla terapia del plasma iperimmune per curare il Covid, sperimentata dal policlinico di Pavia di cui è direttore del servizio immuno trasfusionale. «Ho fornito il nostro protocollo all'American Society of Ematology a marzo e la Fda ne ha autorizzato l'utilizzo come terapia emergenziale».

Covid, la terapia con il plasma all'ospedale "Spaziani" di Frosinone non decolla: ecco perché

Covid, aziende farmaceutiche insieme per trovare una cura con il plasma alla pandemia

«Negli Usa - prosegue l'immunologo - sono coinvolti 2747 ospedali e hanno ricevuto la cura con il plasma 85206 malati. Da quanto si è saputo, il presidente Trump è stato curato con gli anticorpi monoclonali, alcuni dei quali ottenuti dal plasma. Abbiamo dato il protocollo anche a Spagna e Francia. In Italia si procede lentamente, nonostante a fine maggio sia partito il protocollo randomizzato per ottenere evidenze scientifiche riguardo la terapia e a cui hanno aderito 76 ospedali».

Ultimo aggiornamento: 19:45 © RIPRODUZIONE RISERVATA